INPS, pensioni sospese dopo il 21 marzo. Cosa devi sapere

INPS: l’annuncio della sospensione di 2 mesi della pensione preoccupa molto. Ecco tutte le informazioni, ci sono grosse novità.

INPS, grosse novità e sospensione pensione per 2 mesi in questo caso
INPS, grosse novità e sospensione pensione per 2 mesi in questo caso (Pixabay)

Il tema pensioni è tanto caro agli italiani. Al momento, ci sono delle grosse novità. L’INPS stessa conferma che aumenta il tempo per inviare la dichiarazione dei redditi. Principalmente, avranno tempo in più coloro che hanno l’obbligo di presentare il modello RED, vista la situazione epidemiologica attuale. Come sottolineato precedentemente, L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale ha comunicato che il termine ultimo per adempiere alla scadenza è il 21 marzo 2022.

L’annuncio è arrivato con la Circolare n. 1083, dell’8 marzo 2022 in cui vengono comunicati anche la proroga dei termini di conclusione della Campagna RED Italia ordinaria 2021 (in riferimento ai redditi dell’anno 2020), quella della Campagna Solleciti 2020 (legata all’anno 2019) e INV CIV ordinaria 2020. Se non si comunica il proprio reddito, il titolare della prestazione può essere soggetto alla revoca. Cerchiamo di capire meglio perchè sono state prese alcune decisioni.

INPS: sospensione della pensione per 2 mesi se non si presenta questo documento

Ogni anno, l’INPS controlla se i titolari di prestazioni economiche con invalidità civile siano ancora in possesso dei requisiti, previsti dalla legge, per il loro riconoscimento. Se qualcuno, inoltre, non ha ancora presentato la dichiarazione dei redditi o il modello del 730, l’Istituto di Previdenza, come detto in precedenza, lancia le campagne RED, ogni anno. A tal proposito, fa sapere che il termine ultimo che sancisce la conclusione delle campagne sopracitate sarà il 21 marzo 2022.

Invio della dichiarazioni reddituali (RED, Solleciti e Campagna ordinaria)

INPS, grosse novità e sospensione pensione per 2 mesi in questo caso
INPS, le dichiarazioni vengono presentate tramite:

Non si potranno inviare per CAF, ma possono essere rese tramite il servizio online dedicato le dichiarazioni:

  • riferite allo svolgimento di attività lavorative riferite ad i titolari di prestazioni d’invalidità civile del 2020;
  • con oggetto la frequenza scolastica dei titolari di prestazioni assistenziali.