Legge 104, perchè con colesterolo e diabete puoi battere cassa all’INPS

La Legge 104 tutela i cittadini con disabilità tali per cui non possono condurre normalmente la propria vita. Possibile che basti il diabete o il coleterolo alto per potervi accedere? Facciamo chiarezza.

La Legge 104 è la legge che prevede una serie di tutele verso quei cittadini con disabilità parziali o totali tali che non possono accedere a determinate tipologie di lavoro e, in generale, non possono condurre una vita normale senza assistenza. La lista di disabilità e patologie debilitanti che possono portare una persona a poter usufruire dei benefici della Legge 104 sono precise, ma occorre fare chiarezza su alcuni passaggi. Tra queste disabilità rientrano anche alcuni tipi di diabete e problemi di colesterolo alto. Quindi sì, è possibile rientrare entro i limiti della 104 per queste due condizioni, ma occorre andare più nel dettaglio per capire meglio.

Chi ha il diabete può fare richiesta per il riconoscimento di invalidità civile laddove sia riconosciuta una minima percentuale di invalidità che varia a seconda del tipo di diabete di cui si soffre. In particolare:

  • In caso di diabete mellito di tipo 1° e 2° con complicazioni micro-macroangiopatiche con manifestazioni cliniche di medio grado (classe III), la percentuale di invalidità minima per accedere alla 104 deve essere del 41%;
  • In caso di diabete mellito insulino dipendente con mediocre controllo metabolico e iperlepidemia o con crisi ipoglicemiche frequenti nonostante la terapia (classe III), è richiesta una percentuale minima del 51%;
  • In caso di diabete mellito complicato da grave nefropatia e/o retinopatia proliferante, maculopatia, emorragie vitreali e/o arteriopatia ostruttiva (classe IV), la percentuale minima è fissata al 90%.

Per chi ha il colesterolo alto (ovvero quando il livello di coleterolemia che emerge dalle analisi del sangue è uguale o superiore a 40 md/dl) è possibile vedersi riconoscere i benefici della Legge 104 se viene riconosciuta una invalidità pari o superiore al 74%. Capite le regole, occorre ricordare che per avere accesso ai benefici della Legge 104, sia per malati di diabete, sia per colesterolo alto, la commissione medica esaminante deve prima accertare l’effettivo stato di invalidità del richiedente e confermare, a sua esclusiva discrezione, la possibilità del richiedente di accedere alle agevolazioni per invalidità civile.