Divieto di contanti, come puoi salvarti con i pagamenti frazionati

I pagamenti frazionati in contanti sono ancora possibili. Ecco quali sono le norme e le regole che fissano gli importi massimi

In Italia è stata modificata la soglia massima di denaro liquido spendibile: se, inizialmente, questa era stata fissata a 2.999,99€, oggi è stata abbassata a 1.999,99€. Per ora, il tetto di riferimento è solo provvisorio, in quanto resterà in vigore fino al 31 dicembre 2022.

(Ansa/Us Provincia Bolzano)

Tuttavia, è importante ricordare che sono ammessi i pagamenti frazionati, anche se ci sono dei limiti stringenti da seguire e per cui fare attenzione. Ecco, quindi, quali sono i pagamenti frazionari previsti e in quali casi possono essere effettuati.

Pagamenti frazionati, ecco quando puoi farlo

Dal primo luglio 2022 entrerà in vigore la riduzione del limite all’utilizzo di contanti. Come abbiamo già detto, il limite di 2.999,99 euro passerà a 1.999,99euro, che a sua volta scenderà ancora a 999,99 euro dopo il 31 dicembre 2022.

Oltre al limite dei contanti, è entrato in vigore anche il divieto di frazionare i pagamenti, in modo da evitare che si aggiri la norma. Dunque, è vietato suddividere un pagamento, ad esempio di 4.000 euro, per 8 operazioni da 500 euro ciascuna.

Tuttavia, Unimpresa ha informato che è possibile effettuare pagamenti frazionati con multipli delle soglie introdotte, dunque 10.000 euro potranno essere divisi in 5 rate da 2.000 euro. Sarà importante, però, riuscire a dimostrare che il pagamento frazionato sia stato fatto per ragioni diverse rispetto all’elusione della norma, come ad esempio il pagamento dell’affitto.

(ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

Sono infatti ammessi i pagamenti frazionati per accordi commerciali o se previsto in accordi contrattuali. Tuttavia, questo dovrà essere dimostrato attraverso un accordo per la modalità di pagamento concordata, la quale prevede appunto il pagamento a rate.

Dunque, sono permessi i pagamenti frazionati se inclusi e compresi nell’operazione economica da effettuare. Sarà infatti possibile effettuare trasferimenti di denaro rivolgendosi all’istituto bancario o tramite qualsiasi strumento di pagamento tracciabile.

È importante, quindi, fare attenzione e valutare attentamente la scelta dei pagamenti frazionati, verificando che il pagamento sia connaturale all’operazione da fare. Sono previste, infatti, sanzioni e multe parecchio salate per coloro che non rispettano le soglie di utilizzo del contante. Multe che possono crescere di molto in caso di pagamenti superiori a 250.000euro.

Impostazioni privacy