Poste italiane, file e proteste: cose è successo

Poste Italiane ha riscontrato dei problemi informatici che hanno compromesso il servizio per tutta la mattinata di ieri. Da Poste arriva la versione ufficiale su cosa è successo.

Recentemente molti enti legati allo Stato italiano sono stati vittime di attacchi hacker, riconducibili a gruppi russi. Stamattina, quando Poste Italiane ha riscontrato dei grossi problemi informatici che hanno paralizzato il servizio su tutta la penisola si è immediatamente pensato ad un ennesimo attacco. I problemi sono cominciati alle 7:00 del 30 maggio, quando sono cominciate le lamentele dei clienti contro i disservizi di Poste Italiane. Pare che un problema informatico avesse compromesso l’intero apparato di Poste, creando file e proteste da parte degli utenti, che hanno perfino fatto finire l’hashtag #posteitaliane in top trend su Twitter.

Considerando che nel recentissimo passato vari enti dello Stato sono stati presi di mira dal gruppo di hacker russi denominato Killnet, qualcuno ha pensato all’ennesimo attacco. Il gruppo di hacker aveva già annunciato l’intenzione di portare un non meglio specificato attacco informatico che hanno descritto come “colpo irreparabile per l’Italia“. Le parole del gruppo Killnet erano state prese piuttosto sul serio, visti i già registrati attacchi del noto gruppo, e si è subito pensato i disservizi fossero causati da un maxi-attacco informatico atto a paralizzare i servizi di Poste Italiane. Dall’interno di Poste, tuttavia, arriva la conferma di quanto accaduto in mattinata: nessun attacco hacker, si è trattato di un problema tecnico. Il servizio è stato ripristinato prima delle 13:00 ed è tutt’ora funzionante.

Ciò che non si è placato per niente è il sentimento di rabbia degli utenti Poste Italiane. Molti sono rimasti con i conti correnti bloccati per l’intera mattinata, altri hanno aspettato per molto tempo in fila agli sportelli, visto che alcuni uffici sono stati chiusi per motivi di sicurezza. Il problema tecnico si è rivelato, alla fine, una cosa semplice da gestire, ma considerando l’avvertimento di Killnet nei confronti dell’attacco previsto per oggi, l’allerta è scattata immediatamente. I disservizi, oltre che al problema tecnico in sé, sono stati frutto di una eccessiva prudenza da parte di Poste Italiane, che ha reagito immediatamente a quello che appariva come un attacco informatico. Una volta chiarita la situazione, però, il problema è stato velocemente sistemato e il servizio ripreso come di consueto.