Bonus perché a luglio possono arrivare 400 euro

Ricevere il bonus di 200 euro e far arrivarne 400 è possibile per alcuni nuclei familiari. Ecco come fare

Il bonus di 200€ è sempre più vicino. Nel mese di luglio, infatti verrà erogato l’aiuto economico che l’attuale governo ha voluto stanziare per aiutare le famiglie italiane. A causa della grave crisi economica, l’esecutivo ha deciso di procedere con l’emissione di un bonus con lo scopo di affrontare l’aumento delle spese.

(ANSA/LUCA ZENNARO)

Si tratta di un bonus una tantum che verrà erogato nel mese di luglio e riguarderà lavoratori dipendenti, autonomi, stagionali, domestici, pensionati, disoccupati e percettori del reddito di cittadinanza. Ecco il modo in cui è possibile ottenere 400€ e raddoppiare il bonus.

Bonus di 200 euro, cosa succede se ci sono due lavoratori nello stesso nucleo familiare

Come già detto, il bonus 200 euro spetterà a numerose famiglie italiane e sarà erogato una sola volta, durante il mese di luglio. Questo avviene anche quando si è titolare di più rapporti di lavoro, ma cosa succede se nello stesso nucleo familiare coesistono più lavoratori?

Sono molti i dubbi, infatti, riguardo la ricezione del bonus. Alcuni hanno posto un dubbio riguardo il numero di lavoratori all’interno di un nucleo familiare e come, in questi casi, possa cambiare l’erogazione del sostegno economico stanziato dal governo Draghi.

Nel caso in cui, ad esempio, in un nucleo familiare vi siano marito e moglie, entrambi lavoratori (di cui uno autonomo e l’altro dipendente) la situazione può essere diversa. Per entrambi, infatti, sarà riconosciuto il bonus di 200 euro anche se sono all’interno dello stesso nucleo familiare?

(ANSA/CLAUDIO PERI)

Come detto in precedenza, potranno usufruire del bonus i lavoratori dipendenti, autonomi, domestici, stagionali, i pensionati e i disoccupati. Tra i lavoratori autonomi che potranno ricevere il bonus rientrano anche quelli senza partita iva, iscritti alla Gestione separata INPS entro la data in vigore del decreto Aiuti, pur non essendo iscritti ad altre forme previdenziali.

Secondo il testo dell’attuale normativa, non vi è alcun divieto rispetto la ricezione del bonus in caso di due o più lavoratori all’interno dello stesso nucleo familiare. L’unica eccezione ad ora prevista riguarda i percettori del reddito di cittadinanza. Nel caso in cui, quindi, vi siano marito e moglie, entrambi lavoratori (uno autonomo e l’altro dipendente), entrambi avranno diritto a ricevere il bonus.