Modello 730, cosa devi fare per ottenere i rimborsi a luglio

Per i rimborsi relativi al 730 precompilato del 2022, ci sono delle importanti indicazioni da seguire per ottenerli nel mese di luglio e relativi a quanto spetti a dipendenti, pensionati e autonomi. Andiamo a fare chiarezza.

Come sanno gli esperti del settore, in questi giorni è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate il modello per il 730 precompilato 2022: per ottenere i rimborsi Irpef a luglio occorre tenere presente alcuni aspetti molto importanti.

Dunque per tutti vi è la disponibilità sul sito dell’Agenzia delle Entrate del modello 730 precompilato 2022 per la dichiarazione dei redditi. Il file è stato caricato solo il 23 maggio, con un certo ritardo rispetto al termine classico del 30 aprile. Da quel momento si può inviare la dichiarazione compilata partendo dal 31 maggio e per ottenere i rimborsi Irpef nella busta paga relativa al mese di luglio occorre sbrigarsi.

Questo in quanto, al contrario, i tempi tecnici utili per elaborare i modelli potrebbero far slittare l’intero iter. Le tempistiche sono meno rigorose per chi adopera il modello precompilato.

Per chi intende ricevere i rimborsi ad agosto, i rimborsi si andranno a ‘specchiare’ con il bonus da 200 euro, introdotto dal governo per aiutare i cittadini in difficoltà tra rincari, aumenti, inflazione e effetto guerra-Ucraina. La stessa cosa riguarda la quattordicesima.  Per avere i rimborsi in questa tranche, bisogna tenere a mente alcuni passaggi importanti.

Cosa sono i rimborsi Irpef e come averli

730
730 / Fonte: Pexels

In primis occorre valutare che non siano presenti errori quando si lavora al 730. Quando questi vengono identificati dal sistema bisogna re-inviare il modello, e ciò ci mette a rischio di andar oltre il tempo massimo. Ma quali sono i rimborsi Irpef e quando arriveranno per dipendenti, pensionati e autonomi?Per calcolare i rimborsi occorre ottenere il valore del Reddito complessivo, a cui si toglie il reddito dell’abitazione principiale e la serie di oneri oggetto di deduzione. A questo punto occorre stimare l’imposta lorda sul reddito imponibile in base alle varie aliquote Irpef. Dopodiché si toglie la somma delle detrazioni e emerge l’entità rimborsi.

La dichiarazione dei redditi si può trasmettere entro il 30 settembre per chi presenta il 730 ed entro il 30 novembre per chi sceglie l’applicazione Redditi web. Per avere i rimborsi nella busta paga di luglio i lavoratori dipendenti devono fare la comunicazione entro il 28 giugno. I contribuenti che espletano la pratica dopo, al contrario, debbono aspettare la busta paga di agosto e settembre e lo stipendio del mese successivo alla data in cui hanno redatto la dichiarazione.

Pertanto i dipendenti che redigono il 730 entro il 28 giugno possono ottenere i rimborsi Irpef ad agosto, nel momento in cui giungerà la busta paga del mese precedente.

I rimborsi Irpef ad autonomi, pensionati e disoccupati

730
730/ Fonte: Pexels

Al contrario dei dipendenti, ai pensionati il rimborso Irpef del 730 2022 giunge tra agosto e settembre. Lo stesso discorso si applica per disoccupati con l’assegno Naspi e per i lavoratori del comparto agricolo. Chi presenta un modello senza sostituto invece avranno i rimborsi a dicembre ed entro la fine di marzo 2023.

Gli autonomi, poi, devono far tutto per conto proprio o ricorrere ad un professionista per comunicare all’Agenzia delle Entrate il proprio codice Iban, su cui lavorare per specifiche situazioni di credito. Per questi lavoratori i tempi di ottenimento dei rimborsi arrivano anche a mesi. Questo implica che i primi accrediti ci saranno in autunno e fino alla fine della primavera 2023.