Il nuovo aiuto del Governo, tolti 5 mesi di contributi INPS

Il Governo continua ad erogare bonus e aiuti per sostenere i cittadini in questi anni di crisi: questa volta lo sconto è sui contributi INPS: vediamo di cosa si tratta.

Gli ultimi anni sono trascorsi in uno stato di grande crisi, anche e soprattutto economica. La pandemia da Covid ha pesantemente intaccato molti settori, tra questi quello della ristorazione e soprattutto quello del turismo.

Esonero contributi

Per questo il Governo ha deciso di dare un ulteriore aiuto al settore turistico, agevolando agenzie di viaggio e tour operator. Tutte le disposizioni del caso sono state descritte nel decreto legge n.4 del 27 Gennaio 2022. L’esonero dai contributi Inps è valido fino ad Agosto.

Le misure contributive agevolate continuano ad essere simili a quelle già attivate durante la pandemia nel 2020/2021. Nel dettaglio, possono continuare ad usufruire del bonus i titolari di agenzie di viaggio e tour operator.

L’esonero dal pagamento dei contributi è integrale, ovvero è possibile non versare completamente alcun contributo previdenziale INPS; la misura è stata prorogata ed è riconosciuta per cinque mesi, nel periodo da Aprile ad Agosto 2022.

Esonero di cinque mesi dai contributi INPS: non spetta a tutti e c’è una limitazione

Nonostante l’arco temporale già definito per legge, sarà possibile usufruire del beneficio entro il 31 Dicembre 2022 e questo verrà regolato nuovamente su base mensile. Il bonus tuttavia ha un budget limitato: si rientra nei limiti di minori entrate contributive, pari a 56,25 milioni di euro per l’anno corrente.

Esonero contributi

Raggiunto il budget, per tour operator e agenzie di viaggio non sarà più possibile accedere all’esonero. La manovra finanziaria è stata pubblicata soltanto il 28 Marzo in Gazzetta Ufficiale e deve ancora essere approvata dalla Commissione Europea.

Questo perché la concessione contributiva per le due tipologie di attività dovrebbe essere ‘coperta’ con un aumento degli oneri per il resto dei contribuenti. Si attendono dunque nuove disposizioni e informazioni in merito.