Bonus 200 euro, quando arriva davvero: data per data

È in arrivo il bonus di 200 euro per dipendenti, pensionati e disoccupati. Ecco quando arriveranno gli importi e come fare richiesta

Il governo italiano ha previsto l’erogazione di un bonus da 200 euro per lavoratori, disoccupati e pensionati. Si tratta di un sostegno economico pensato per aiutare le famiglie italiane in difficoltà ad affrontare il caro vita dovuto all’aumento dei prezzi delle materie prime, di energia e carburante.

(Flickr)

In molti si stanno chiedendo in questi giorni quando arriva il bonus di 200 euro, a chi spetta e come poterlo richiedere. Ecco, quindi, tutte le informazioni riguardo questo bonus, la modalità di accesso per le rispettive categorie lavorative e i tempi di erogazione degli importi.

Ecco quando arriva il bonus 200 euro

Nel mese di luglio è prevista l’erogazione del bonus 200 euro per i lavoratori dipendenti, i pensionati e i disoccupati con un reddito inferiore a 35mila euro. Ben presto, quindi, potrebbe arrivare per circa 13,7 milioni di italiani l’importo bonus direttamente sul cedolino pensione (in caso di pensionati) o sulla busta paga (lavoratori autonomi), ma non è ancora chiaro quale sarà il giorno dell’erogazione.

Per quanto riguarda i pensionati, dal 31 marzo è stato ripristinato il consueto calendario di pagamento dei cedolini durante il primo giorno di ogni mese. Dunque, coloro che hanno optato per il ritiro della pensione presso uno sportello Postamat potranno quindi ritirare il cedolino già dal primo luglio, mentre chi ha deciso per l’erogazione presso gli uffici postali dovrà rifarsi alla turnazione alfabetica. In entrambi i casi, i pensionati potranno ritirare il bonus di 200 euro (compreso nel cedolino).

(Fabio Frustaci/Ansa)

Per quanto riguarda, invece, i disoccupati e i percettori del Reddito di Cittadinanza, queste categorie di cittadini potranno ricevere il bonus direttamente dall’Inps durante il mese di luglio. Per coloro che ricevono il RdC non c’è una vera e propria data ufficiale, ma è più che probabile che anche per loro il mese di luglio sarà il momento di ritirare il bonus.

Il ritiro del bonus di 200 euro è piuttosto diverso per quanto riguarda i lavoratori. Saranno, infatti, i datori di lavoro ad erogare l’importo direttamente sulla busta paga, per poi ricevere il ristoro da parte dello Stato “durante il primo pagamento fiscale”, queste le parole di Mario Draghi.