Spiagge, arriva la multa da 4000 euro

Stangata per coloro che non rispettano le regole. Ecco la multa da 4.000 euro che rischiano gli stabilimenti balneari

Non solo il videopoker e le macchinette slot. Da oggi anche chi avrà un biliardino all’interno della propria attività sarà sottoposto a sanzioni. Secondo le ultime disposizioni dell’Agenzia Dogane e Monopoli, infatti, l’attività del gioco a biliardino può essere paragonata a quella del gioco al videopoker.

È prevista, infatti, una multa da 4000 euro per coloro che non rispetteranno le regole e risultano essere in possesso di un biliardino senza però avere un’autorizzazione. Ecco, quindi, quali sono le ultime disposizioni dell’Agenzia e come fare per mettersi in regola.

Multa da 4000 euro per il biliardino senza autorizzazione

Con la nuova disposizione dell’Agenzia Dogane e Monopoli, avere un biliardino negli stabilimenti balneari senza autorizzazione può portare ad una multa da 4000 euro. Ma non solo, la stessa normativa vale per bar e altre attività che potrebbero contemplare la presenza di questo gioco molto popolare nel nostro Paese.

Secondo quanto è riportato nel decreto, anche se l’attività del gioco a biliardino non porta a fare scommesse, come ad esempio il videopoker, è necessario avere un’autorizzazione per la sua messa in esercizio. Dunque, le attività che possiedono un biliardino, un tavolo da ping-pong o i flipper dovranno pagare una tassa dell’8% dell’imponibile medio forfettario e Iva.

Chi non dovesse rispettare il pagamento della tassa, e quindi non possedere l’autorizzazione relativa all’utilizzo di un biliardino all’interno della propria attività, potrebbe dover pagare una sanzione fino a 4mila euro. Tuttavia, questa ulteriore stretta ha provocato l’eliminazione di questo gioco da parte di molte attività, soprattutto balneari e spiagge.

(Pixabay)

Sono state molte, infatti, le polemiche riguardo le prime multe già arrivate ad esercenti che esibivano apparecchiature come biliardini, flipper e freccette. Il Sindacato italiani Balneari ha subito preso posizione, dichiarando che la maggior parte delle attività rende gratuito questo gioco per i propri clienti.

Ad ora, però, non sembrano esserci passi indietro riguardo l’Agenzia Dogane e Monopoli; dunque, potrebbero correre il rischio di sanzioni molte attività. Queste, infatti, potrebbero essere in difficoltà se non possiedono l’autorizzazione a possedere giochi come, calciobalilla, biliardi, flipper, carambole, tavoli da ping-pong e freccette.