Supermercati, c’è un altro prodotto che sarebbe meglio acquistare subito

La mancanza di precipitazioni sta avendo effetti catastrofici sul settore agricolo già in crisi per l’aumento dei costi delle materie prime. 

La siccità continua a fare seri danni all’agricoltura ma anche alle tasche degli italiani. La mancanza di precipitazioni in Pianura Padana sta mettendo in ginocchio le regioni del Nord alle prese con piani straordinari di emergenza idrica per razionalizzare l’acqua sia nelle ore del giorno che della notte. La scarsità d’acqua è un fattore negativo per tutta l’economia agricola che vede quotidianamente prodotti andare a male per la poca quantità d’acqua.

Quello agricolo, causa guerra in Ucraina, è già un settore alle prese con costi elevati poiché il prezzo del concime è aumentato in maniera vertiginosa. A questo c’è poi il caro carburante che ha dato la mazzata finale. Tra i prodotti che rischiano di sparire dagli scaffali dei supermercati troviamo il riso. La mancanza di piogge danneggia gravemente le risaie che hanno bisogno di tanta acqua. Si calcola infatti che la siccità porterà ad una produzione inferiore del 30% di riso.

Perchè il riso costerà di più e sarà difficile trovarlo?

L’Italia è il principale produttore europeo di riso. Già prima della siccità il prezzo di questo prodotto era schizzato alle stelle. I produttori italiani dovevano già fronteggiare i rincari per l’energia elettrica, mangimi e tutte le materie prime che servono al settore agricolo. La produzione di riso in Italia era già ai limiti. Adesso con la siccità siamo a livelli di allarme elevato.

Le scorte dei produttori iniziano a scarseggiare e si corre il rischio di non trovare più riso nei supermercati se la temperatura continuerà ad essere elevata danneggiando le risaie. Oltre a questo aspetto, i produttori aumenteranno ancora di più i prezzi. Produrre oggi un grammo di riso costa di più perchè c’è scarsità di acqua, quindi la lavorazione necessità di ulteriori accorgimenti, ed in più ci sono i rincari che pesano a catena sul prodotto finito.

A rischio il riso nei supermercati?

Le scorte di riso del primo semestre 2022 sono le più basse degli ultimi 10 anni. Nelle prossime settimane potremmo non trovare più riso al supermercato. La situazione è drammatica e tutti i produttori attendono un decreto del Governo per non bloccare la produzione ed avere vantaggi sulle materie prime, i carburanti e soprattutto sull’approvvigionamento idrico. Più che le misure economiche, l’Italia paga anche sprechi d’acqua ed anche una rete idrica obsoleta ed in alcuni punti ancora assente.