Bonus 200 euro, perchè resta anche se cade il Governo

Nonostante la crisi di Governo, sembra che nessuno toccherà il bonus di 200 euro che verrà pagato tra luglio e ottobre. Adesso si hanno anche le date ufficiali di quando verranno pagati tutti gli aventi diritto al bonus.

Il bonus da 200 euro in programma per luglio è stato per lungo tempo universale solo sulla carta. A luglio sono stati disponibili i soldi solo per i lavoratori dipendenti e per i pensionati, che hanno avuto la propria parte del bonus gli uni sulla busta paga, gli altri sulla mensilità della pensione. Tutti gli altri dovranno aspettare, ma finalmente c’è qualche certezza.

Inizialmente si diceva che il bonus di 200 euro sarebbe stato consegnato a tutti entro luglio. I beneficiari non sono cambiati. Si tratta ancora dell’ampissima platea che comprende lavoratori dipendenti, pensionati, lavoratori autonomi, partite iva, percettori del reddito di cittadinanza, percettori di assegni di disoccupazione Naspi e Dis-Coll, lavoratori domestici, lavoratori stagionali e incaricati alle vendite a domicilio. Con le uniche restrizioni di essere entro il limite di reddito di 35.000 euro nel 2022 e di essere residenti in Italia.

Ad eccezione di lavoratori dipendenti e pensionati, però, nessun altro vedrà i soldi del bonus a luglio. Si parlava della possibilità che i 200 euro di bonus potessero essere pagati ad ottobre, e finalmente è arrivata la certezza. La differenza fondamentale chi ha già ricevuto il bonus e chi no è la necessità di presentare una domanda. Per dipendenti e pensionati il bonus è stato aggiunto in automatico allo stipendio o alla pensione, ma per i lavoratori domestici (colf e badanti), che possono ricevere il bonus da luglio, c’è la necessità di presentare domanda tramite patronato. I lavoratori domestici potranno comunque avere il bonus una tantum fino al 30 settembre.

Per tutte le altre categorie se ne riparla ad ottobre. In quel mese saranno aggiunti i 200 euro del bonus alle prestazioni dei titolati Naspi e Dis-Coll, ai beneficiari di disoccupazione agricoltura 2021 e beneficiari di ex indenità Covid-2021. Questi non dovranno fare alcuna domanda. A dover fare la domanda per il bonus di 200 euro saranno invece:

  • Lavoratori stagionali a tempo determinato e intermittente;
  • Titolari di collaborazione coordinata e continuativa;
  • Autonomi occasionali (senza partita iva);
  • Incaricati alle vendite a domicilio.

La domanda deve essere fatta entro il 31 ottobre tramite il sito dell’INPS.