Psicologo pagato dallo Stato, i soldi non saranno disponibili a lungo

Dal 28 giugno è attivo e disponibile un nuovo bonus finalmente confermato anche per il 2022. Per poterne fare uso occorre, tuttavia, fare domanda entro fine mese.

Con la legge 15/2022 il Governo ha previsto il bonus psicologo. L’incentivo prevede un contributo economico rivolto alle persone in condizione di depressione, ansia, stress e fragilità psicologica, a causa dell’emergenza pandemica e della conseguente crisi socio-economica.

Il bonus è fruibile per sostenere le spese relative a sessioni di psicoterapia presso specialisti privati iscritti all’albo psicologi che abbiano comunicato l’adesione all’iniziativa. Il bonus è una tantum ed il valore cambia in base al valore dell’ISEE.

Per dare più sostegno alle persone con ISEE più basso, sono previste tre fasce:

  • Chi ha un reddito inferiore a 15mila euro, ha diritto a 600 euro per ogni beneficiario
  • Reddito tra i 15-30mila euro, il bonus diventa di 400 euro a richiedente
  • Reddito tra 30-50mila euro l’importo erogato diventa di 200 euro per ogni persona che lo richiede.

Il Governo ha stanziato un fondo di 10 milioni di euro per il bonus psicologo. L’assegnazione L’assegnazione avverrà in base all’ordine di arrivo delle domande ma verrà data la precedenza alle persone con ISEE inferiore.

La richiesta del bonus psicologo va fatta in via telematica all’INPS entro trenta giorni dalla data pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale. Sarà l’INPS a comunicare il termine ultimo per poter richiedere tale agevolazione. Accedendo al sito INPS il sistema potrà individuare automaticamente tutti i dati del richiedente fornendo le necessarie dichiarazioni sostitutive di autocertificazione che attestano i requisiti per fare richiesta del bonus. In fase di presentazione della domanda, INPS verifica quindi la sussistenza dei requisiti e informa il richiedente sulla presenza o meno di una DSU (Dichiarazione sostitutiva Unica) valida.

In caso di presenza di una DSU valida la domanda è acquisita, altrimenti sarà necessario chiedere il rilascio di una DSU valida prima di procedere con la domanda. A conclusione del periodo di presentazione delle domande, INPS renderà poi note le graduatorie e comunicherà ai beneficiari l’accoglimento della domanda. I beneficiari dovranno solo comunicare al proprio psicologo il codice univoco ricevuto poi sarà compito dello specialista comunicarlo all’INPS per avere il pagamento. Va però ricordato che il bonus spendibile per seduta è al massimo di 50 euro.