Bollette da incubo: così il condizionatore ti brucia tutti i soldi del bonus

In un’estate particolarmente calda come quella corrente, il condizionatore può rappresentare un’ancora di benessere, ma anche una letale trappola. Il condizionatore è uno degli elettrodomestici a più alto consumo energetico. Questo potrebbe portarvi bollette molto più salata del previsto.

Avere un condizionatore acceso in casa può essere una buona cosa per evitare il caldo, ma occorro prestare attenzione. Il condizionatore è uno di quegli elettrodomestici che più di tutti subisce il pericoloso aumento del costo dell’energia, essendo uno di quegli strumenti che ne consuma molta. Secondo le stime effettuate al sito Facile.it, gli aumenti del costo delle bollette coi condizionatori accesi quest’anno sono dell’81% rispetto al 2021. Pari, circa, a una spesa di 216 euro.

Per questo motivo serve essere preparati e capaci di ottimizzare l’utilizzo del condizionatore per risparmiare quanto più possibile. Stando alle stime riportate da Il Messaggero, i consumi giornalieri di un condizionatore si aggirano intorno a 1,77 euro al giorno, con un costo medio di circa 32 euro mensili. I costi variano a seconda della classe energetica del condizionatore che abbiamo nella nostra abitazione. Quelli di classe A+++, consumano in un solo anno 160KWH. Nel dettaglio 0,20 euro all’ora per un totale di 32 euro al mese. Quelli con parametri SEER fino a 8,5 e SCOP fino a 5,4 sono invece quelli che consumano di meno e che permettono di ottimizzare i costi.

Qualche consiglio può tuttavia essere utile per ridurre i costi. Ad esempio, la temperatura ideale da impostare sui condizionatori è di 25° C e si consiglia di non scendere oltre i 6-7 gradi sotto la temperatura esterna. Inoltre, una valida opzione è la deumidificazione che può aiutare ad ottenere un clima più confortevole. Un altro consiglio è quello di utilizzare un ventilatore da soffitto, che permetterà di ottenere refrigerio più velocemente. Inoltre, è conveniente raffreddare solo le stanze in cui effettivamente ci si trova, così da evitare consumo inutile. Un altro valido consiglio è quello di utilizzare tende e persiane per allontanare il calore, riducendo fino al 77% l’aumento di calore all’interno dell’abitazione.

La luce solare diretta può aumentare la temperatura di una stanza di 10 – 20°: più al fresco manterrai l’ambiente, meno avrai bisogno di ridurre la calura utilizzando a lungo il condizionatore d’aria. Un altro utile consiglio è quello di impostare il timer: il consumo medio di un impianto di aria condizionata si aggira tra i 400 e i 600 chilowattora per 500 ore d’uso, ecco perché è necessario utilizzarlo soltanto quando necessario. Infine, i condizionatori moderni mettono a disposizione alcune tecnologie innovative che consentono di renderne più efficiente il funzionamento, ad esempio l’inverter che adatta la velocità del motore al fabbisogno dell’ambiente.