Viaggi in estate: un’altra pessima notizia per gli italiani in vacanza

Gli italiani pagheranno la vacanza più cara degli ultimi 50 anni. Aumentati i prezzi di molte cose

Estate da incubo per i milioni di italiani che hanno deciso di prendere aereo o nave per recarsi nei posti di vacanza. Nel corso di queste settimane abbiamo assistito ad enormi disagi negli aeroporti tra scioperi delle compagnie aeree ed anche del personale di terra. Questo ha comportato notevoli disagi ai passeggeri che spesso si sono ritrovati da un momento all’altro senza più un mezzo di trasporto. Come se non bastasse adesso i vacanzieri devono fronteggiare un altro problema non di poco conto: il caro prezzi di traghetti ed aliscafi. Questo ulteriore sovrapprezzo sta danneggiando il turismo delle isole italiane che in parte sta risentendo di un minor flusso di persone per i prezzi schizzati alle stelle delle navi.

Caro biglietti traghetti: quali sono i motivi?

Ad aumentare non sono solo i biglietti degli aerei in realtà ma anche quelli del trasporto marittimo. Il Codacons fa notare infatti che anche in questo settore i prezzi hanno subito un netto incremento, con le tariffe dei traghetti che sono crescite del +19,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

L’aumento generale dei prezzi di traghetti ed aliscafi è dovuto principalmente al rincaro dei carburanti. Questi mezzi di trasporto necessitano di diesel per poter fare il loro percorso. Con la crescita del costo dei carburanti è aumentato dunque anche il costo del biglietto per prendere imbarcarsi su una nave per la Sicilia o Sardegna.

Il problema non è solo per il viaggiatore ma anche per le aziende di trasporto marittimo. La pandemia ha aumentato le voci di spesa di molte aziende che rischiano, per motivi di costi, anche di dover dimezzare le corse perchè l’aumento del costo del carburante non è più sostenibile in termini prettamente economici. Una pessima notizia per chi si reca nelle nostre Isole se consideriamo già la mazzata di dover pagare la vacanza più cara degli ultimi 50 anni. Gli effetti dell’inflazione si stanno allargando su tutto il comparto economico del nostro Paese.

Qual è il mezzo di trasporto più economico per andare in vacanza?

Se da una parte infatti sono notevolmente aumentate le tariffe dei voli e navi, dall’altra sono diminuiti i prezzi dei biglietti del treno. Stando ai dati Istat i prezzi dei biglietti ferroviari sono scesi del -9,9% su base annua.