Lockdown bollette: bar e ristoranti ad un passo della chiusura

I bar e i ristoranti sono letteralmente ad un passo dal lockdown a causa delle bollette insostenibili. Ecco cosa sta accadendo.

Dopo le difficoltà causate dall’emergenza sanitaria legata al covid, per bar e ristoranti continuano i grattacapi per bar e ristoranti che sono letteralmente ad un passo dalla chiusura. Dal lockdown sanitario siamo passati a quello legato alle bollette.

Molte attività rischiano di dover chiudere a causa dei rialzi sulle bollette diventate oramai carissime.

Lockdown bollette: bar e ristoranti ad un passo della chiusura

Gli esercenti da svariati mesi stanno ricevendo fatture da migliaia e migliaia di euro che, ovviamente, fanno molta fatica a pagare. Va da sè che, in un simile contesto, l’unica alternativa risulta essere quella di chiudere. Almeno questo è ciò che accadrà a breve nel caso in cui non vengano messe in campo misure incisive in grado di contrastare l’aumento dei prezzi. A tal proposito si è espressa la Fipe, Federazione Pubblici Servizi con il direttore generale Roberto Calugi che si è detto particolarmente preoccupato della situazione. Solamente un anno fa infatti, per si pagavano circa 2mila 300 euro per una bolletta che oggi risulta essere quadruplicata. Per questo, Calugi ha chiesto che venga messo un tetto al costo dell’energia poiché in caso contrario continuare a lavorare per le attività sarà davvero complicato se non impossibile.

Ma le difficoltà riguardano anche i distributori di metano con Federmetano che ha chiesto l’annullamento dell’iva. Questo vale anche nel caso delle industrie dell’acciaio e della ceramica. Molte di queste infatti potrebbe non aprire. Questo è quanto ha voluto, che ha misure efficaci nel più breve tempo possibile. Alla luce di quanto appena detto, è abbastanza evidente che così come il covid aveva costretto diverse attività a chiudere, allo stesso modo il caro bollette potrebbe condurre alla stessa sorte bar, ristoranti e non solo. E’ chiaro che l’attuale emergenza ha fatto il suo avvento in un periodo di grande debolezza e non sta facendo altro che peggiorare le conseguenze generate dalla pandemia. Il nuovo governo che si insedierà in Parlamento dopo la vittoria alle elezioni del 25 settembre si troverà ad affrontare importanti questioni e sarà chiamato a mettere a punto un piano di aiuto efficace con questa ennesima emergenza.