16 e 27 Settembre, attenzione alle date: arriva l’assegno INPS

L’assegno unico dell’Inps subisce alcune modifiche: tutte le novità e le date da tenere a mente

Sono in arrivo le ultime novità in merito all’erogazione dell’assegno unico a partire dal 2023 e alle date dei pagamenti INPS per il mese di settembre. La misura a favore di tutte le famiglie con figli a carico è partita lo scorso anno anche se con alcuni ritardi. Va detto che innanzitutto cambieranno gli importi e anche le soglie ISEE di riferimento e poi anche le date dei pagamenti.

Cambierà anche la modalità per verificare l’accredito. Ma andiamo con ordine. E’ l’Inps ha rendere note le date previste per gli accrediti del mese in corso. Per il mese di settembre bisogna segnare due date: venerdì 16 e martedì 27. I primi bonifici li riceveranno quelle famiglie che hanno tempestivamente presentato la loro domanda a gennaio o febbraio 2022.

Assegno Inps, tutte le novità

Tutti coloro che invece la richiesta l’hanno fatta a marzo riceveranno l’assegno dal mese successivo. Ricordiamo inoltre che può beneficiare degli arretrati di marzo, aprile e maggio solo chi ha presentato la propria richiesta di assegno unico entro la fine del mese di giugno. Chi lo ha fatto dal 1 luglio in poi ha diritto solo alla mensilità in corso. In alcuni casi poi l’assegno unico spetta fino ai 21 anni di età.

Se i figli sono disabili non c’è invece alcuna limitazione dal punto di vista anagrafico. Per controllare quando arriverà il proprio bonifico, si può fare l’accesso direttamente sul portale dell’Istituto con le proprie credenziali SPID, cliccando poi sul menù relativo alle prestazioni e servizi. Si preme sul pulsante Pagamenti e si ottengono tutte le info relative a somme e accrediti spettanti.

Come spiegato prima quindi cambiano gli importi a causa dell’inflazione e dell’aumento tangibile del costo della vita, motivo per cui si rivaluterà anche l’importo del contributo previsto dallo Stato. Per le fasce di reddito più basso l’importo sarà aumentato anche di 15 euro a figlio. Anche le famiglie con figli portatori di handicap vedranno aumentare il loro assegno. La soglia Isee invece si alza da 15000 a 16000 euro.