Partite Iva, arriva un aiuto di 2500 euro

La crisi economica e sociale per i lavoratori autonomi potrebbe essere ancora più dura. In arrivo un aiuto di 2500 euro per le Partite Iva

L’autunno e l’inverno saranno due stagioni caratterizzati da una sola parola: rincari. Si attendono, infatti, pericolosi aumenti sul fronte energetico, soprattutto per quanto riguarda il gas e l’energia. Ma a peggiorare la situazione ci pensa l’inflazione, con l’aumento dei prezzi di carburante, bollette e prodotti alimentari al supermercato.

(Pixnio)

Una situazione di crisi economica e sociale che sta mettendo in grave difficoltà imprese e famiglie, a causa degli aumenti dei prezzi e delle bollette troppo alte. Ma non sempre si parla di una categoria pesantemente penalizzata, come quella dei lavoratori autonomi. Ecco, quindi, che è in arrivo un aiuto di 2500 euro per le Partite Iva.

Partite Iva, per loro un aiuto di 2500 euro

Secondo i dati forniti dal Codacons, per una famiglia di 4 persone è previsto un aumento di 800€ l’anno relativo all’acquisto di cibi e bevande. Molti prodotti alimentari che acquistiamo al supermercato, infatti, hanno visto un pesante aumento, come l’olio di semi (+63%), il burro (+33%), farina e riso (+22%), uova e zucchero (+15%) e acqua minerale (+13%).

Inoltre, durante il mese di agosto in Italia il prezzo dell’elettricità è andato oltre i 500€ per Megawattora sul mercato all’ingrosso. Si tratta di un macino sulle spalle di moltissime famiglie italiane, appesantito dal prezzo dei carburanti, tornato ora attorno quota 2€ al litro.

Una crisi che colpisce anche le Partite Iva. I lavoratori autonomi e le aziende, infatti, sono pesantemente colpiti dalla crisi. Dopo la pandemia, infatti, si è aggiunta la crisi energetica che potrebbe addirittura peggiorare le cose. Tuttavia, il mondo del web e del digitale, unito alle costrizioni della crisi pandemica hanno fornito ai nuovi lavoratori autonomi moderni strumenti innovativi.

(PxHere)

Si è assistito, dunque, ad un aumento del lavoro digitale e a distanza, grazie all’utilizzo del web e delle varie piattaforme digitali. Ma connettersi giornalmente rappresenta un costo, soprattutto per quanto riguarda l’elettricità. Dunque, via libera al Fondo Connettività, finanziato dal governo per circa 590 milioni di euro.

Si tratta di un aiuto di 2.500€ a cui potranno accedere anche le Partite Iva per effettuare un upgrade tecnologico relativo alla propria connessione internet. Grazie a questo voucher, infatti, si potrà migliorare l’accesso alla rete dalla propria abitazione (per chi lavora in smart working) o dal proprio studio.