Crisi del gas “Gli italiani soffriranno più di tutti”: lo studio che mette paura

Stando a quanto emerso da uno studio, gli italiani soffriranno più di tutti per la crisi del gas: ecco cosa sta per accadere.

La crisi del gas scaturita dal conflitto in Ucraina è sotto gli occhi di tutti come anche le sue ripercussioni che ovviamente stanno pesando sui soggetti più fragili della società. A tal proposito, uno studio condotto da Oxford Economics ha fatto emergere che gli italiani soffriranno più di tutti.

L’analisi condotta da un gruppo di esperti, difatti, rivela uno scenario drammatico che potrebbe divenire realtà nel caso in ci si dovesse assistere ad un blocco completo delle forniture russe.

Crisi del gas “Gli italiani soffriranno più di tutti”

In questo caso, infatti, l’Italia sarebbe costretta a mettere in atto delle brusche riduzioni della domanda di gas. Questo implicherebbe un severo razionamento. Nonostante il governo italiano abbia fin da subito cercato di rendere il Paese indipendente dalla Russia, firmando accordi presi con vari Paesi per aumentare le importazioni di gas, non si è agito con una limitazione dei consumi. A conferma di ciò, i ricercatori di Oxford hanno messo a confronto le strategie messe in campo da Germania e Italia. Ebbene, quello che è emerso è che il governo tedesco ha cercato fin da subito a limitare la domanda di gas. L’Italia dal canto suo ha pensato di introdurre sussidi per aiutare le famiglie a pagare le bollette energetiche. Così facendo, sia le famiglie che le imprese non hanno limitato i consumi.

Secondo gli esperti invece, l’Italia dovrebbe procedere con il comprimere i consumi de 12 per cento proprio come ha fatto al Germania. Per il resto, è chiaro che bisognerà anche agire con un aumento della produzione ricorrendo alle centrali a carbone. In ogni caso, stando allo studio condotto dai ricercatori in questione è necessario che anche i cittadini comincino a fare la loro parte. In particolare i cittadini italiani sono chiamati a tirare un po’ la cinghia dal punto di vista di quelli che sono gli sprechi relativi alle materie energetiche. Non c’è dubbio, infatti, che il governo italiano è quello che più di tutti è intervenuto a contrasto della crisi energetica prevedendo l’introduzioni di sussidi.