Pane e mutui, come ci stanno rovinando mese dopo mese

Secondo i dati diffusi da Istat si registrano aumenti importanti per pane e mutui: tutti i numeri della crisi

Secondo il quadro statistico diffuso da Eurostat, Istat e Banca Centrale Europea, l’inflazione appare come l’anticamera della recessione. Viene segnalato che nel mese di agosto il prezzo del pane ha visto un aumento medio nell’Ue del 18%, rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Gli aumenti maggiori sono stati registrati in Ungheria, Lituania, Estonia e Slovacchia.

Mutui

Secondo questi dati l’Italia si è collocata al di sotto della media Ue con il +13,5%, anche se stando alle stime di Coldiretti, l’aumento sarebbe del 23% e quindi 900 milioni in più. L’Istat ha segnato un rialzo del 5,2% annuo dei prezzi delle abitazioni nel secondo semestre 2022, ma secondo la Bce il dato potrebbe essere allentato nei prossimi anni a causa dell’aumento dei tassi per i mutui.

Pane e mutui, prezzi esagerati che portano alla crisi

Questi tassi infatti nell’area euro sono saliti davvero di tanto nei primi sei mesi del 2022 con quello che è stato calcolato come “l’aumento più forte su sei mesi mai registrato” dopo che avevano raggiunto un minimo record all’1,3% a settembre 2021. L’istituto di Christine Legarde cita uno studio secondo cui la crescita di un punto percentuale dei tassi sui mutui corrisponde a “un declino dei prezzi immobiliari del 5% circa dopo il passare di due anni”.