Natale senza elettricità, arrivano le prime rinunce

I Comuni italiani sono chiamati a risparmiare energia in vista del caro bollette. Molti paesi rinunciano alle luminarie natalizie per evitare sprechi

La crisi energetica peserà sul prossimo Natale. Il periodo natalizio è sempre stato caratterizzato nelle città da grandi luminarie per le strade. Quest’anno la situazione sarà molto diversa dal solito. Il caro energia ha imposto ai Comuni di rivedere anche le varie manifestazioni natalizie. All’orizzonte sono previsti dei tagli proprio per evitare l’aumento dei costi per luci ed addobbi per le strade urbane. Inoltre ogni Comune sta varando un proprio piano di autosufficienza per non lasciare in qualche le strade totalmente senza le tipiche luminarie. Si punta dunque alla sostenibilità contenendo quanto più possibili i costi lievitati ormai alle stelle.

Caro energia, meno consumi a Natale

Caro energia e luci di Natale: cosa potrebbe accadere?

Molti sindaci si sono già mossi per trovare una soluzione a questa emergenza bollette che sta gravando su famiglie, imprese ed in questo caso anche sulle Pubbliche Amministrazioni. L’ultimo trimestre del 2022 sarà quello più caro in assoluto. La guerra in Ucraina non accenna a terminare. L’Italia è tra i Paesi che più vedrà schizzare alle stelle le bollette di luce e gas. L’ARERA ha fatto sapere di aver fatto un intervento straordinario per evitare il raddoppio totale del costo attuale dell’energia. Certamente è pur sempre qualcosa di positivo anche se non basterà. In media la nuova bolletta della luce da ottobre farà registrare un aumento del +59%. Una vera e propria stangata in un periodo economico già duro per la crescita dell’inflazione.

A Venezia il Comune ha fatto sapere che non rinuncerà del tutto alle luci natalizie. Verranno accese ma ad orari stabiliti e senza ulteriori sprechi. Lo ha fatto sapere il sindaco Luigi Brugnaro che ha sottolineato come la sua amministrazione si stia già muovendo per mettere luci a led che garantiscono un minor consumo di elettricità. La situazione dei Comuni italiani non è certamente delle migliori. Le casse pubbliche languono più del solito e bisogna necessariamente risparmiare. Difficile farlo nel periodo di Natale in cui si è sempre.

Chi ci ha costruito turismo sulle luci natalizie è la città di Salerno con le luci d’artista che ogni anno attirano visitatori da tutte le parti d’Italia. A quanto pare la kermesse, nonostante il caro energia, quest’anno non sarebbe in discussione. L’Italia si conferma un paese dei paradossi.