Agevolazioni sui mutui, perchè ora è tutto più difficile

La guerra tra Russia e Ucraina ha portato gravi conseguenze anche per quanto riguarda il mercato europeo con la crisi finanziaria che ha colpito l’Italia e non solo. Adesso è più difficile ricevere delle agevolazioni sui mutui. 

Sempre meno giovani riusciranno ad acquistare la cosa. La situazione è davvero complicata e rischia seriamente di precipitare. Tutto ciò a causa della crisi finanziaria che sta investendo l’Europa.

Agevolazione mutuo

Sono stati aumentati di 75 punti base i tassi di interesse per contrastare l’inflazione. E’ questa la decisione della Banca Centrale Europea. Questa è una manovra che colpisce sempre più famiglie che, nella stipula del mutuo, hanno scelto il tasso variabile. Adesso le banche dovranno pagare di più per prendere il denaro dalla Bce. Inoltre ad avere la peggio saranno i cittadini costretti a pagare i rincari.

Agevolazioni sui mutui, perché ora è tutto più difficile

Da questa situazione chi sarà penalizzato è chi deve comprare la prima casa perché, oltre a pagare le rate del mutuo più alte, non riuscirà neanche a ricevere le garanzie di Stato da parte della Consap.

Oggi, infatti, è sempre più difficile ricevere mutui utilizzando il Fondo di garanzia Consap. Tutto ciò perché i tassi interbancari hanno subito un aumento notevole. I mutui agevolati per gli under 36 sono insostenibili per la banca. Anche l’analista dell’Osservatorio del portale Mutui Supermarket, Guido Bertolino, ha lanciato questo allarme. Vista la rivalutazione dei tassi effettivi, che è partito dal primo di ottobre, meno giovani riusciranno ad acquistare la prima casa.

ANSA

“Le banche non possono più proporre i mutui a tasso fisso con un Teg contenuto entro il Tegm”, così a Sky Tg24 Vincenzo Sanasi d’Arpe amministratore delegato della Consap.

Il prossimo governo, guidato da Giorgia Meloni, dovrà gestire anche questa situazione. Infatti, in campagna elettorale, tutti i partiti i sono espressi in maniera positiva nell’agevolare i giovani per l’accesso ai mutui. Adesso toccherà al Governo fare la sua parte e concedere più possibilità agli under 36 che intendono acquistare una casa. Tra le prime decisioni che prenderà la premier, leader di Fratelli d’Italia, ci sarà proprio quella di aprire ad un meccanismo che permetta ai giovani di prendere casa. In attesa di un nuovo Fondo, oggi è possibile avere un mutuo con spese di istruttoria ridotte.