Bonus di 600 euro, così lo Stato chiede ai datori di lavoro di aiutare i dipendenti

Gli aiuti di Stato per i lavoratori preda della crisi del gas devono essere più efficaci. Con una nuova idea del Governo uscente di Mario Draghi, arriva la proposta di spingere i datori di lavoro ad aiutare i propri dipendenti. Con questo nuovo intervento lo Stato cerca di rendere la situazione più tollerabile.

Una delle problematiche più importanti negli aiuti di Stato a favore dei cittadini è l’immenso costo degli stessi. Pensandoci bene, il contributo recente più diretto che lo stato a dato ai cittadini è stato il bonus una tantum da 200 euro, che è costato allo Stato oltre 8 miliardi di euro.

Lavoratori dipendenti
Foto ANSA

Da parte del Governo serve qualcosa di più forte, che faccia dia una spinta abbastanza forte all’economia familiare degli italiani. La crisi del gas sta colpendo in maniera particolare i lavoratori, sia dipendenti che autonomi, che stanno vedendo i prezzi dei prodotti e le spese alzarsi a differenza dei propri salari. La pressione dell’inflazione sta danneggiando enormemente i lavoratori, ma il Governo uscente di Mario Draghi sembra aver trovato una soluzione vincente.

Lo Stato invoglia i datori di lavoro a dare più soldi ai dipendenti

L’idea del Governo è quella di aumentare la soglia di esenzione da tasse e contributi per i benefit aziendali. L’aumento è consistente, dai 258 euro di base si passerebbe a 600 euro. Inoltre si darebbe la possibilità di far rientrare nei benefit anche le somme che i datori di lavoro decidono di dare ai dipendenti per il pagamento delle utenze domestiche. Insomma, non si agisce direttamente sulle famiglie, ma si invoglia e si rende più facile per le aziende fare opere di welfare aziendale a favore dei dipendenti per aiutarli contro la crisi economica.

Punto vendita Lube San Giovanni Rotondo
Da Facebook

La misura fa eco a quello che sta già succedendo con alcune aziende che stanno elargendo bonus e benefit extra ai propri dipendenti, cercando di aiutarli nel difficile momento di crisi. Una delle più in vista e tra le prime ad andare in questa direzione è Lube. L’azienda Lu-Ve ha deciso di aiutare i propri dipendenti regalando loro un bonus economico che li possa aiutare a contrastare l’imponente caro bollette di questo periodo. L’azienda ha deciso di stanziare un budget di 3 milioni di euro da dare ai suoi lavoratori in modo che possano affrontare con più serenità la crisi.