Corrente elettrica: i consigli per ridurre i consumi in casa

Risparmiare sulla corrente elettrica è fondamentale per poter ridurre le spese in merito alle utenze. Scopri una serie di modi per limitare al massimo il consumo di elettricità e di conseguenza avere bollette più leggere.

corrente elettrica

Quella relativa alla corrente elettrica è una delle spese “fisse” più care per tutte le famiglie italiane. Spesso e volentieri ci arrivano bollette particolarmente care, ma senza che ci rendiamo conto di ciò che facciamo per arrivare a certi consumi e di conseguenza a certi costi. Per questo motivo è necessario mettere in pratica una serie di trucchetti per riuscire a ridurre al minimo il consumo di corrente elettrica, nel corso della giornata e anche a lungo termine.

Noi abbiamo provato a racchiuderne alcuni, ognuno molto valido per quelle che sono le nostre abitudini. Che non sono sbagliate, ma possono senza dubbio essere migliorate in qualche modo.

Corrente elettrica, meglio spegnere

Il primo trucchetto riguarda la possibilità di spegnere un dispositivo, piuttosto che lasciarlo in stand-by. Questo riguarda qualunque oggetto che consente una terza opzione oltre all’accensione e allo spegnimento totale, che è per l’appunto il ricorso allo “stand-by”. Per fare un esempio, se usiamo la macchinetta del caffè per sosrseggiarne uno dopo pranzo, è possibile lasciarla lì senza spegnerla dopo averla utilizzata. Lasciare un dispositivo elettronico in stand-by, ovviamente porta a un consumo di corrente elettrica.

Un consumo minimo sul singolo avvenimento, ma che se diventa continuato nel tempo porta a una crescita costante dei consumi. La stessa cosa avviene, ad esempio, per il caricabatterie del cellulare: lasciarlo inserito nella presa di corrente, anche dopo aver terminato il processo di ricarica del tuo smartphone, non è una buona mossa.

Per ridurre ancor di più il consumo di corrente elettrica, un buon trucchetto può essere legato all’arredamento e allo ‘sfruttamento’ della luce naturale. Per questo motivo è sempre meglio, sempre per fare alcuni esempi, puntare su colori più chiari per le pareti oppure su piastrelle lucide e mobili laccati. Tutti mezzi che, al contatto visivo con la luce esterna, aumenteranno la luminosità dei tuoi ambienti e rinvieranno il ricorso alla luce artificiale. La stessa cosa si può dire per le tende: usale ma punta su tessuti più leggeri che garantiscano privacy ma non respingano la luce del sole.

Attento ai consumi

Bisogna ovviamente fare attenzione a come vengono utilizzati i vari elettrodomestici e apparecchi elettronici. In primis il frigorifero, che stando ad alcune stime autorevoli, è l’apparecchio che consuma più corrente elettrica. Per questo motivo bastano alcuni accorgimenti per utilizzarlo al meglio. Come il fatto di piazzarlo a circa 10 centimetri dai muri e lontano da fonti di calore.

Un altro elettrodomestico da tenere d’occhio è la lavatrice. È preferibile utilizzarla di sera e magari a carico pieno, per ridurre il numero di “cicli” e consumare meno energia. Occhio anche a come viene utilizzata: per la maggior parte dei capi bastano 40 gradi, più alta sarà la temperatura e maggiore sarà il consumo.

Capitolo condizionatore: a tutti piace vivere quella sensazione di freschezza nelle calde giornate estive. Ma ci sono alcuni accorgimenti da seguire. In primis la temperatura: basta tenerla intorno ai 6 gradi in meno rispetto a quella percepita per combattere la calura. E poi potrebbe essere sufficiente impostare l’elettrodomestico in modalità ‘deumidificatore’ per ridurre la sofferenza da afa.

Infine il forno, che va acquistato e scelto con lungimiranza. È fondamentale l’acquisto di un apparecchio che abbia l’indice di consumo A+. E poi è sufficiente ricorrere alla cottura in modalità ventilata, magari senza modificare la temperatura del forno durante il suo utilizzo. Infine evita di aprire il forno per controllare la cottura, è un dispendio di calore e soprattutto non aiuta.

Latest articles

Related articles