Cambiare nome e cognome, come fare e quanto costa

Sì, cambiare il proprio nome e il proprio cognome è possibile. Ecco quanto costa l’operazione e come fare!

Anche se sembra bizzarro, cambiare il nostro nome e cognome è possibile. A contemplarlo è il nostro codice civile, all’art. 6 del libro I, che stabilisce appunto l’esistenza del “diritto al nome”. Per la legge, ogni individuo ha diritto al nome ( quindi anche al cognome) che per legge le viene attribuito. E’ altresì concesso, però, cambiarlo, fare aggiunte o modifiche secondo il DPR n. 396/2000 contenente il “Regolamento per la revisione e la semplificazione dell’ordinamento dello stato civile, a norma dell’articolo 2, comma 12, della legge 15 maggio 1997, n. 127”.

Leggi anche: Influencer, guadagni stratosferici per gli intrattenitori digitali: ecco come

Nello specifico, è possibile aggiungerne un nome al primo; modificare il cognome in quanto ridicolo, vergognoso o perché rivela l’origine naturale; aggiungerne un altro. Per effettuare il cambio, è necessario presentare domanda Prefetto della provincia in cui risiede o di quella in cui ha sede l’ufficio dello stato civile in cui è conservato l’atto di nascita a cui la richiesta fa riferimento.

Leggi anche: Influencer, quanto guadagna Khaby Lame? Cifre come quelle dei calciatori

La procedura

Nella domanda bisogna indicare le motivazioni del cambio; la modifica con i nuovi nomi e cognomi rispettando i parametri indicati dalla legge. Ad esempio, non è possibile infatti fare domanda per l’attribuzione di cognomi d’importanza storica o cognomi noti nel luogo in cui il richiedente risiede ( o in quello in cui si trova il suo atto di nascita). Valutata la richiesta, si passa all’ affissione e alla notificazione, che permettono – a chiunque ne abbia interesse – di opporsi alla domanda di mutamento del nome o del cognome, con un atto da notificare al notaio entro il termine di 30 giorni dalla data in cui è stata eseguita l’ultima affissione o l’ultima notificazione.

Il Prefetto, in caso di accettazione, autorizza che il cambiamento del nome o del cognome debba essere annotato sull’ atto di nascita del richiedente; sull’atto di matrimonio del richiedente; sugli atti di nascita di coloro che ne hanno acquisito il cognome. La procedura è gratis. L’unico costo da sostenere se si decide di cambiare nome o cognome è quello della marca da bollo da 16 euro da apporre al modulo della domanda da inoltrare al Prefetto.