Rc Familiare a picco: per i neopatentati tariffe alle stelle

Totale insuccesso per l’RC Familiare ad un anno dalla sua introduzione: le tariffe per i neopatentati costano il doppio rispetto ai genitori.

Rc auto (foto Adobestock)
Rc auto (foto Adobestock)

Il flop arriva dai dati raccolti nell’ultimo anno e mezzo. Il governo Conte II si era prefissato l’obiettivo di ridurre i premi assicurativi in quei territori dove i neopatentati erano fortemente penalizzati, ma il risultato è stato decisamente negativo.

l’IVASS, l’istituto di verifica del comparto assicurativo, ha confermato come la situazione, nell’ultimo trimestre di riferimento, non sia affatto cambiata. I giovani nella fascia d’età compresa tra i 18 e i 24 anni devono pagare un premio medio di 656 euro, quasi il doppio rispetto alla fascia tra i 45-59 anni, che si assesta sui 364 euro. Questo implica che l’RC Familiare non è stata applicata correttamente.

A titolo di esempio basta prendere Napoli, dove l’RC per i giovani schizza addirittura a 980 euro, ma anche in altre città italiane la situazione è simile. A Prato se ne pagano 934, Pistoia 874, Massa Carrara 847 e Firenze 819. Se la Toscana è in testa in questa classifica al contrario, il Piemonte è invece la regione più virtuosa, con prezzo più contenuti rispetto al resto del paese. Si tratta di un apparente controsenso, visto che i figli, per la legge sull’RC Familiare, dovrebbero pagare la stessa cifra dei genitori e vedersi riconosciuta la stessa classe assicurativa.

Rc Familiare, fatta la legge, trovato l’inganno (assicurativo)

Rc auto (foto Adobestock)
Rc auto (foto Adobestock)

LEGGI ANCHE: Vaccini, l’Aifa da via libera al Moderna per gli adolescenti dai 12 ai 17 anni

Tutto ruota sul perno interpretativo dell’art. 134 del Codice delle assicurazioni, che ha visto proprio l’anno passato un aggiornamento rispetto alla legge Bersani. Secondo la norma è possibile acquisire la classe di merito di un altro veicolo dello stesso proprietario o di un suo familiare stabilmente convivente, anche su un mezzo nuovo od usato.

LEGGI ANCHE: Recovery Fund, ancora attesa per le riforme su concorrenza e fisco

L’articolo prevede addirittura la possibilità di trasferire la classe di merito tra tipologie diverse di veicoli, ma c’è purtroppo una condizione che ha svuotato i principi contenuti. Infatti l’IVASS aveva suggerito che il passaggio alla classe migliore fosse possibile a patto di possedere un attestato di rischio senza sinistri con colpa nei 5 anni precedenti. Questo è stato interpretato dalla compagnie in maniera estensiva, rendendo impossibile per un neopatentato avere una storia assicurativa di 5 anni.