Multe durante il periodo di Quarantena: se fai ricorso nel modo corretto non le pagherai

Sei bloccato in quarantena e non riesci a pagare in tempo una multa? Se segui questa guida potrai chiederne l’annullamento senza pagare.

multa (foto Adobestock)
multa (foto Adobestock)

La pandemia ci ha costretto per mesi a casa, limitando la nostra possibilità di uscire fuori per contenere il virus. Ma se tanti hanno vissuto questo provvedimento da “sani”, altri milioni di concittadini sono stati costretti ad una vera e propria quarantena o per essere finiti in contatto con un positivo o per essere stati loro stessi contagiati dal Covid-19.

Questo ovviamente causa diversi fastidi, partendo dall’ipotesi ovviamente che la malattia si manifesta in forma leggera o asintomatica: al contrario ci sono ben altri problemi da affrontare. Per tutti gli altri invece la quarantena è significata isolamento, se in convivenza in stanze separate o al contrario completamente da soli a casa, con tutti i problemi che ne seguono. Infatti la questione logistica non un affare di secondo piano, visto che era necessario comunque fare la spesa e pagare le bollette. Nel primo caso ci si è affidati ai delivery, che infatti hanno spopolato, oppure ad amici e parenti, mentre per le secondo per fortuna c’è il pagamento online.

Ma c’è un problema che in tanti hanno dovuto affrontare: la propria auto. Cosa succede se si è bloccati a casa per legge e non si può spostare il proprio veicolo dal parcheggio?

Come annullare le multe alla auto prese durante la quarantena

 

multa (foto Adobestock)
multa (foto Adobestock)

Del resto il Codice della Strada è chiaro e ribadisce che l’ente proprietario della sede stradale può vietare temporaneamente la sosta su vie o tratti di esse per esigenze di carattere tecnico o di pulizia, rendendo noto tale divieto con i prescritti segnali non meno di 48 ore prima ed eventualmente con altri mezzi appropriati.

LEGGI ANCHE: Le conseguenze a cui devi prepararti se paghi in ritardo le tasse del 2021

Quindi le autorità locali hanno 2 giorni per avvisare gli automobilisti di eventuali lavori o pulizie: chi non riesce a leggere gli avvisi si ritrova l’auto portata via e qui nasce il problema per chi è quarantenato, che ha un divieto assoluto di uscire di casa, pena l’arresto fino a 3 mesi o una multa fino a 206 euro.

LEGGI ANCHE: Risparmiare, ecco la regola delle 48 ore per evitare le spese inutili

Nel caso di una multa con rimozione, è necessario dunque attendere il verbale, poi si hanno 60 giorni per presentare un ricorso gratuito al prefetto, sottolineando la causa di forza maggiore. Nel ricorso ovviamente deve essere incluso il certificato medico che attesta l’obbligo di isolamento in quel periodo. Se si vuole prevenire tutta la procedura conviene, in caso di quarantena, contattare il comando dei vigili locali facendo presente la propria situazione.