Contributi a fondo perduto: le date che devi ricordare a settembre

Contributi per lavoratori stagionali, bonus affitto, dichiarazione dei redditi: tutte le scadenze di settembre. 

Settembre è un mese importante e pieno di scadenze, specialmente per quanto riguarda i contributi a fondo perduto. Diverse sono le date da ricordare e una prima scadenza riguarda i contributi per le attività stagionali: è possibile presentare la domanda fino al 2 settembre e tale scadenza vale anche per la presentazione dell’istanza in caso di errori.
Coloro che hanno ricevuto i precedenti contributi applicheranno percentuali variabili tra il 60 e il 20%, in base ai ricavi del 2019. Il contributo spetta sottraendo dal calcolo le precedenti somme ricevute. Per l’incentivo è previsto un limite massimo di 150 mila euro. Il provvedimento si rivolge ai titolari di attività stagionali, con partita Iva che abbiano avuto ricavi non superiori a 10 milioni di euro e abbiano avuto una diminuzione mensile media del fatturato e dei corrispettivi dal 1° aprile 2020 al 31 marzo 2021 di almeno il 30%, in relazione al periodo dal 1° aprile 2019 al 31 marzo 2020.

Leggi anche: Conto corrente della persona defunta, come non perdere quei soldi

Termine ultimo anche per il bonus affitti. Si tratta di un contributo a fondo perduto riservato ai proprietari di casa che riducono la quota di affitto versata dall’inquilino che la detiene come abitazione principale. L’incentivo ha una cifra pari al 50% dell’ammontare complessivo, per un massimo di 1.200 euro per ciascun locatore. È possibile presentare più domande per lo stesso immobile se all’interno ci sono più locatori. Il bonus affitto 2021 verrà erogato a partire dal 31 dicembre 2021 mentre le domande scadono, appunto, il 6 settembre.

Infine, il 10 settembre è la data ultima entro la quale è necessario presentare la dichiarazione dei redditi 2021, utile per effettuare l’accesso ai contributi a fondo perduto perequativi. Il contributo sarà erogato solo se verrà riscontrata una diminuzione del risultato economico d’esercizio del 2020 rispetto al 2019. Attenzione, quindi, a tutte le prossime scadenze di settembre!