Al Bano dice che con la sua pensione di 1.470 euro fa fatica ad arrivare a fine mese. Ma sta bluffando

Tra dischi, proprietà, streaming e ospitate, sembra che Al Bano non ritenga sufficiente la cifra per vivere…

Al Bano , pseudonimo di Albano Antonio Carrisi è un cantautore, personaggio televisivo e attore italiano che, nel corso della sua carriera, ha vinto 26 dischi d’oro e 8 dischi di platino. Al Bano è uno dei cantanti più famosi in Italia e nel mondo e vanta una carriera lunga e ricca di successi forte del legame con l’ex moglie Romina Power. La coppia ha appassionato il pubblico dai tempi del primo Sanremo e alcune loro canzoni hanno fatto la storia come la celebre “Felicità!”. E, a proposito di felicità, il cantante potrebbe essere felice dei suoi guadagni dal momento che gode di diverse proprietà sparse tra il Sud Italia e il resto della nostra Penisola.

Leggi anche: Prelievi e pignoramenti delle pensioni per debiti, come farà l’INPS con le persone in difficoltà

La maggior parte delle sue dimore si troverebbe in Puglia mentre nel suo paese natale, in contrada Bosco, il cantante ha creato e investito da diversi anni sulla propria azienda vinicola, l’Azienda Vinicola Carrisi. Sul sito è possibile acquistare bottiglie di rosso e di bianco ma anche olio che arriva dagli ulivi della tenuta Carrisi, grappa e merchandising ufficiale.

Leggi anche: Bonus 3000 asili nido fino a dicembre 2021, ecco come rientrarci

Gli altri guadagni

Altre fonti di guadagno arrivano dai dischi venduti nel corso degli anni fino allo streaming musicale. Su Apple Music e Spotify, il cantante conta numeri alti di riproduzioni con Felicità che conta 4.504.750 riproduzioni. Per quanto riguarda Sanremo, l’ospitata durante la prima puntata di Sanremo 2020 avrebbe garantito un compenso pari a 50 mila euro. Sembra anche che il cantante avrebbe diritto a una pensione mensile di circa 1.470 euro. Al riguardo, in un’intervista di qualche tempo fa, il cantante ha ritenuto la cifra poco sufficiente per vivere considerando la mancata possibilità di fare concerti a causa del Coronavirus.