Saldo disponibile sul conto corrente, perchè può aumentare o diminuire nel corso della stessa giornata

Quando si parla di conti correnti non tutti conoscono la differenza tra saldo disponibile e saldo contabile. Sono due aspetti che vanno tenuti in considerazione e che vanno saputi trovare quando si fanno operazioni con il conto corrente.

saldo contabile e disponibile

Il saldo del conto corrente, nella testa di molti è semplicemente il quantitativo di soldi a nostra disposizione sul proprio conto corrente. Nonostante questo non sia sbagliato, occorre fare una differenziazione tra saldo contabile e saldo disponibile. Questi due termini sono molto comunemente confusi e spesso equiparati, mentre in realtà indicano due cose diverse. Il saldo disponibile è l’importo che è possibile spendere in quel momento, in pratica i soldi a nostra disposizione sul conto per effettuare le operazioni di acquisto presso un commerciante con carta di debito, così come qualunque altra operazione immediata. Quando si deve determinare se si ha abbastanza denaro per effettuare un’operazione immediata si guarda al saldo disponibile.

Leggi anche: Rottamazione e auto nuova, 4 modelli per compiere la scelta giusta, entro il 30 settembre

Il saldo contabile comprende invece il saldo attuale, cioè la somma comprensiva di tutte le operazioni non ancora accreditate. Questo può essere utilizzato, ad esempio, per un pagamento con carta di credito o per l’accredito dello stipendio o per altre operazioni per cui ci vuole più tempo per addebitare sul conto corrente l’operazione stessa. La differenza tra l’utilizzo del caldo disponibile e il saldo contabile sta quindi nella tempistica di addebito: se l’addebito è immediato, l’operazione viene registrata sul saldo disponibile, mentre se l’operazione richiede più tempo per l’addebito, viene registrata sul saldo contabile e solo in un secondo momento sul saldo disponibile.

Leggi anche: Supermercati: risparmi 1.700 euro l’anno se fai spesa giusta in quello giusto

saldo contabile e disponibile

Questo è il motivo per cui il saldo disponibile varia spesso. Molte operazioni vengono effettuate e registrate in momenti diversi, quindi è verosimile che nel corso di una singola giornata, più operazione vengano riconosciute e registrate sul conto corrente, facendo variare la somma visibile come saldo disponibile. Questa confusione che si va a creare sul saldo disponibile è il motivo per cui molte persone utilizzano le carte di credito piuttosto che le carte di debito. In questo modo l’operazione viene indicata, ma addebitata realmente solo alla fine del mese ed è necessario tenere sotto controllo soltanto il saldo contabile invece che anche il saldo disponibile.