Beppe Sala, patrimonio e stipendio del sindaco rieletto

Quanto guadagna Beppe Sala? Guadagni, stipendio e proprietà del sindaco di Milano rieletto alle amministrative del 3 e 4 ottobre 2021.

Beppe Sala (foto Getty Images)
Beppe Sala (foto Getty Images)

Beppe Sala ha dunque trionfato nella rielezione come sindaco di Milano. Il primo mandato ha conquistato i milanese e il primo cittadino meneghino ha surclassato gli avversari politici già al primo turno delle amministrative 2021, che si sono svolte domenica 3 e lunedì 4 ottobre.  In tanti si chiedono quanto guadagna il sindaco di Milano, soprattutto dopo una recente affermazione in cui ribadiva che un dipendente pubblico non può guadagnare la stessa cifra in città diverse, perché il costo della vita è molto variabile sul territorio italiano.

Questa frase ha suscitato forti polemiche e critiche sia dai partiti di opposizione, sia da quelli dello stesso colore politico e sono stati in tanti ad attaccare Sala anche sui social, rinfacciandogli lo stipendio da sindaco percepito a Milano. Durante il primo mandato il rieletto sindaco aveva reso pubblico il proprio stipendio, invitando gli altri primi cittadini delle grandi città a fare altrettanto. Ma quanto guadagna in realtà?

Quanto guadagna Beppe Sala

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da Beppe Sala (@beppesala)

Beppe Sala è stato manager e amministratore di diverso società italiane, tra cui Tim e Pirelli, dopo la sua laurea in economia aziendale alla Bocconi di Milano. Come consulente dunque ha diversi introiti, come è possibile verificare analizzando il modello 730 del 2014 che ha pubblicato durante le elezioni per il rinnovo del consiglio comunale lombardo. Inoltre detiene alcuni immobili in Italia e all’estero, tra cui tre a Varedo e una casa in Svizzera dal valore di 1,3 milioni.

L’imponibile lordo per il 2013 di Beppe Sala è invece di 410305 euro, che conferma lo status antecedente alla poltrona di sindaco di Milano. Dopo la prima elezione il suo reddito è calato vistosamente, portandosi a 109491 euro nella dichiarazione 2020, visto che la lasciato i precedenti incarichi lavorativi per dedicarsi unicamente a quella di sindaco, visto anche il ruolo di responsabilità che richiede una metropoli come Milano.

In Italia lo stipendio dei sindaci è regolato dalla Legge Bassanini, la quale prevede diverse cifre rispetto alla popolazione del comune. Milano, con circa 1,3 milioni di abitanti, si posiziona nella fascia più alta, garantendo al proprio sindaco, chiunque esso sia, 7.800 € di indennità mensile.