Controlli sullo stato patrimoniale, come agiranno INPS e Agenzia delle Entrate

Situazione reddituale, patrimoniale, incongruenze finanziarie: come avvengono controlli da Inps e Agenzia delle Entrate su Isee corrente. controlli dichiarazione dei redditi

Secondo una recente circolare, i controlli incrociati da parte dell’Inps e dell’Agenzia delle entrate avvengono automaticamente quando emergono grosse difformità tra i saldi sui conti correnti, le giacenze medie e i rapporti finanziari non dichiarati. In questo caso avvengono ulteriori controlli sfruttando l’anagrafe tributaria, le comunicazioni obbligatorie e gli archivi Inps, così da poterli confrontare con le autodichiarazioni.

In particolare l’attenzione è rivolta ai controlli sull’Isee corrente. L’Isee è l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente che attesta la condizione economico-patrimoniale delle famiglie italiane per permettere l’accesso a prestazioni agevolate, bonus, aiuti, misure di sostegno.

Il valore Isee per indicare la ricchezza delle famiglie è il risultato del rapporto tra l’Indicatore della Situazione Economica (ISE) e il parametro ottenuto da un’apposita scala di equivalenza, i cui valori variano e dipendono dal numero dei membri di ogni singolo nucleo familiare.

Per ottenere il valore Isee bisogna prima presentare la Dsu, Dichiarazione Sostitutiva Unica, in cui riportare dati anagrafici, quelli relativi al patrimonio mobiliare / immobiliare, e il reddito complessivo della singola famiglia. L’Isee che viene generalmente richiesto è quello richiesto ma durante il periodo di validità dell’Isee ordinario se si verifica una variazione di situazione reddituale o patrimoniale bisogna richiedere l’Isee corrente che fotografa la situazione aggiornata della ricchezza di una famiglia. Vediamo in che modo avvengono i controlli sull’Isee corrente nel 2021 da parte di Inps e Agenzia delle Entrate.

Quali controlli vengono effettuati dal fisco sulla dichiarazione Iseecome compilare l'ISEE 2021 (foto Adobestock)

LEGGI ANCHE: Rincari, usare l’auto diventa un incubo: anche il metano alle stelle

Infatti, dopo aver consegnato l’Isee all’Inps, può capitare che la situazione economica cambi e quindi diventa necessario aggiornare i dati sulla situazione reddituale. Per questo va richiesto l’Isee corrente. Per ottenerlo dopo aver già presentato la Dsu. I i controlli che generalmente vengono fatti riguardano dichiarazioni e autodichiarazioni reddituali e patrimoniali e, ancora, modifiche delle condizioni occupazionali di uno o più membri del nucleo familiare che implicano variazioni del reddito complessivo ai fini fiscali.

LEGGI ANCHE: Carne stampata in 3D: cos’è e perchè potrebbe risolvere tutti i nostri problemi

I controlli vengono effettuati in automatico sia da Inps che dall’Agenzia delle entrate soprattutto quando ci sono forti incongruenze tra la situazione economica e quella dichiarata. Grazie anche alla Anagrafe tributaria, alle comunicazioni obbligatorie e agli archivi Inps, i dati possono essere confrontati con quelli autodichiarati attraverso l’incrocio dei dati in possesso di tutti i soggetti coinvolti nel rilascio dell’Isee.