Prelievi automatici sulla pensione, cosa cambia e chi li subirà

Online una nuova funziona Inps che permette al debitore di restituire anticipatamente una parte residuale di un finanziamento. 

L’Inps, con il messaggio 5 ottobre 2021, n. 3339, ha reso noto che, nell’ambito del processo di gestione dei finanziamenti estinguibili da cessione fino al quinto della pensione, è stata realizzata e rilasciata online la nuova funzione denominata “Domanda di rimodulazione piano per estinzione anticipata parziale”. La nuova funzione permette al debitore di restituire anticipatamente una parte residuale di un finanziamento, così come previsto dalla legge. Attraverso la procedura, qualora il pensionato manifesti la volontà di estinguere anticipatamente un finanziamento, gli intermediari finanziari aderenti alla convenzione con l’INPS possono richiedere, con modalità telematica, una rimodulazione del contratto di finanziamento in corso di ammortamento , che può consistere nella riduzione dell’importo della rata e/o nell’anticipazione della scadenza del piano di ammortamento. Sono perciò da ritenersi superate le prassi di gestione manuale, che restano confermate per le società in regime di accreditamento, non aderenti alla convenzione con l’Istituto.

Leggi anche: Riscatto dei contributi per riuscire ad andare in pensione, cosa puoi fare veramente

La funzione, è fruibile dagli intermediari finanziari all’interno dei servizi “Cessione Quinto”, tramite Web Service e Web Applicationed è riservata esclusivamente alle società in regime di convenzionamento.

Leggi anche: Furto al supermercato, pensa bene a cosa stai facendo: ecco cosa rischi

È consentito riscattare i periodi di lavoro non coperti da contribuzione (omessi) e per i quali non sussiste più l’obbligo assicurativo (prescritti), se i contributi risultano non versati dal datore di lavoro per attività lavorativa subordinata; dal titolare di impresa artigiana o commerciale per i coadiuvanti; dal titolare del nucleo coltivatore diretto, colono e mezzadro in favore dei familiari coadiuvanti; dagli iscritti alla gestione separata che non siano titolari all’obbligo contributivo. La domanda può essere presentata alla sede Inps territorialmente competente per residenza, allegando la documentazione richiesta o dove previsto in via diretta al sito internet dell’Istituto. Possono richiederlo i lavoratori iscritti all’assicurazione generale obbligatoria; gli iscritti ad una delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi; gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati; gli iscritti ai fondi speciali gestiti dall’Inps. La facoltà di riscatto è concessa anche ai superstiti del lavoratore o del pensionato deceduto.