Fisco, come saranno i controlli nel 2022

Ripartono i controlli anti-evasione del Fisco. L’Agenzia delle Entrate passerà al dettaglio almeno 120mila contribuenti. Per alcuni, però, servirebbero più tutele alla privacy dei cittadini.

Fisco, come saranno i controlli nel 2022

Martedì 9 novembre sarà firmata la convenzione che stabilisce strategie e obiettivi tra Agenzia delle Entrate e ministero dell’Economia e delle Finanze. Dunque, ripartiranno a breve i controlli anti-evasione da parte del Fisco. Si parla di almeno 120mila controlli da effettuare nel 2022.

Leggi anche: Fisco e scadenze, le date che faresti bene a non dimenticare

Su chi si concentreranno i controlli del Fisco

Il Fisco fa sapere che si concentrerà soprattutto sui contribuenti considerati più a rischio evasione. Ad esempio chi ha già tentato frodi, oppure colore che hanno usufruito illecitamente di agevolazioni fiscali elargite per aiutare i cittadini in difficoltà, come i finanziamenti a fondo perduto o bonus vari. Invece, non ci dovrebbe essere accanimento nei confronti di tutti quei contribuenti in attività che sono state duramente colpite dalla pandemia.

Leggi anche: Fisco, una buona notizia: fine delle ispezioni a sorpresa

Come avvengono i controlli

Il decreto Capienze, approvato ad ottobre, stabilisce che l’Agenzia delle Entrate avrà piena possibilità di effettuare controlli per identificare chi evade. La novità è che il trattamento dei dati personali da parte degli organi preposti sarà “sempre consentito se necessario per l’adempimento di un compito svolto nel pubblico interesse o per l’esercizio di pubblici poteri a essa attribuiti”.

È stata, invece, cancellata la facoltà del Garante della privacy di “prescrivere misure e accorgimenti a garanzia dell’interessato nel caso dei trattamenti svolti per l’esecuzione di un compito di interesse pubblico che possono presentare rischi elevati”.

L’Agenzia delle Entrate tramite anonimometro può entrare in possesso in forma anonima di molti dati personali relativi al soggetto esaminato, come le abitudini di spesa. È, inoltre, possibile incrociare vari dati provenienti da catasto, banche ed altro, così da realizzare un profilo completo. Mentre la fattura elettronica semplifica molto il lavoro di recupero e verifica delle fatture.

 

Impostazioni privacy