Scadenze di Novembre, il Fisco ti lascerà il segno. E ancora di più se tenti di evitarlo

Nel mese di novembre avremo moltissime scadenze per quanto riguarda il Fisco. In totale 233 versamenti da effettuare entro il 30 novembre che graveranno sui conti degli italiani.

Con la scadenza già passata del 2 novembre, gli appuntamenti col fisco non sono terminati. Tra il 16 e il 30 novembre ci saranno moltissime altre scadenze da rispettare. Questo mese sarà caratterizzato da una serie di scadenze di importi da pagare, tra cui i più importanti sono la scadenza della pace fiscale, l’invio del modello 770/2021 e l’invio della dichiarazione dei redditi a fine mese. Per quanto riguarda la pace fiscale, su questa peserà il decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2022, mentre il modello 770 dovrebbe, secondo le ultime anticipazioni, subire una proroga fino al 10 dicembre tramite DPCM. Da non dimenticare anche la scadenza per i versamenti di saldo 2020 e acconto 2021 delle imposte sui redditi per i titolari non di partite IVA.

Leggi anche: Termosifoni, più calore in casa e niente spese extra, basta un foglio di carta stagnola

Si parte dal 16 novembre, con la scadenza per il pagamento dell’IRAP, Imposta Regionale sulle Attività Produttive, dovuta da una larga platea di contribuenti italiani: commercianti/artigiani, agenti/rappresentanti di commercio, autonomi, professionisti, titolari di partita IVA iscritti o non iscritti ad albi professionali, società di persone, società semplici, Snc, Sas, Studi associati, collaboratori coordinati e continuativi o lavoratori occasionali. Sempre il 16 settembre ci saranno anche le scadenze per i versamenti di Irpef e Ires, o le ritenute o imposte periodiche come l’Iva. In quest’ultimo caso ci sarà da saldare il mese precedente, vale a dire ottobre, per i contribuenti mensili, e il terzo trimestre dell’anno per quelli trimestrali. Al 16 novembre anche la scadenza per il primo acconto della cedolare secca sugli affitti per tutti i titolari di partita Iva.

Leggi anche: Chiudere il conto corrente di un defunto e prendersi i soldi, in alcuni casi si può fare

Il 30 novembre scade il termine per versare il secondo acconto della cedolare secca sugli affitti o per saldare l’unico tributo nel caso in cui l’importo risulti inferiore a 257,20 euro. Sempre il 30 novembre sarà l’ultimo giorno utile per comunicare le liquidazioni Iva periodiche del terzo trimestre 2021 e per versare l’imposta di bollo delle fatture elettroniche (terzo trimestre).