Migliaia di euro in una moneta sola: ecco le 100 lire che valgono una fortuna

Le storie di monete rare trovate per caso in casa e rivendute per migliaia di euro sono molte. In particolare le vecchie lire italiane, in particolari condizioni possono valere una fortuna. Ecco alcuni esempi che potreste provare a cercare in casa.

Con il passaggio dalla Lira italiana all’Euro nel 2002 non sono pochi quelli che hanno conservato, per ricordo personale o altri motivi, alcune monete del vecchio conio, e col senno di poi si può dire che sia stato un investimento. Non è sempre così, ma alcune vecchie monete che una volta potevano essere utilizzate per un gelato o una pizza, oggi possono valere migliaia di euro. La moneta di cui parleremo oggi è chiamata tra i collezionisti “100 lire Minerva”. Come si può immaginare, si tratta di una moneta del valore nominale di 100 lire, coniata in Acmonital tra il 1955 e il 1989, ha un diametro di 27,8 millimetri, un peso di 8 grammi e uno spessore di 2 millimetri. Al dritto la moneta presenta una testa di Italia con corona d’alloro, al verso, invece, è rappresentata Minerva con in pugno una lancia.

Leggi anche: Debiti, quando l’Agenzia delle Entrate può prendersi la tua casa

Il valore delle monete cambia in base all’unicità della moneta stessa, se ha un conio particolarmente raro, o, ancora meglio, errori di conio, e al suo grado di conservazione. Nella numismatica esistono specifiche sigle per indicare lo stato di conservazione delle monete:

  • FDC: Fior di conio, ovvero monete che non presentano segni di circolazione o comunque molto limitati, conservate nella maniera migliore con la brillantezza originale sulle superfici;
  • SPL: Splendido, ovvero monete che hanno circolato pochissimo, con rilievi integri;
  • BB: Bellissimo, ovvero monete che hanno circolato e hanno rilievi maggiori con segni di usura, anche se rimangono leggibili;
  • MB: Molto bello, ovvero monete usurate con alcune parti non leggibili;
  • B: Bello, ovvero monete lisce con la maggioranza dei rilievi scomparsi;
  • D: Discreto, ovvero monete quasi completamente lisce con rilievi appena intuibili o con segni deturpanti

Leggi anche: Pensioni d’invalidità, il 2022 sarà un anno difficile

Sapendo questo, la moneta 100 lire Minerva di prova del 1954 è di gran lunga quella con il valore più alto di tutte le monete dello stesso tipo. In quanto moneta di prova, ne sono stati coniati pochissimi esemplari e oggi una di queste monete in qualità Fior di Conio può valere fino a 3.000 euro.