Quanti soldi posso prelevare dal 1 gennaio dal conto corrente? Tutto quello che c’è da sapere 

Dal primo gennaio 2022 le regole sui contanti sono cambiate. Ecco quanti soldi potrai prelevare dal tuo conto corrente 

prelievo_missionerisparmio.it_03.01.2022

Con l’arrivo del nuovo anno, il limite sull’utilizzo di contanti è sceso da duemila a 1.000€, 999.99€ per la precisione. Una decisione presa per provare a contrastare l’evasione fiscale, problema diffuso e molto rilevante nel nostro Paese.

Si tratta di una soglia limite che riguarderà non solo le vendite, ma anche qualsiasi tipo di passaggio di denaro tra diversi soggetti. C’è anche chi si chiede cosa succederà a chi preleva in banca. Ecco quindi quanti soldi potrai prelevare dal tuo conto corrente.

Conto corrente. Ecco quanti soldi potrai prelevare dal 1° gennaio

Per quanto riguarda il prelievo di contanti, non vi è alcun limite imposto per quei conti correnti intestati a soggetti diversi da aziende e imprenditori. Questo vuol dire che uno studente, un disoccupato, un lavoratore dipendente e un professionista possono prelevare quanto desiderano. 

LEGGI ANCHE –> BONUS PER IL BAGNO PROROGATO, MA NON FATECI TROPPO AFFIDAMENTO

Il cittadino, quindi, è libero di prelevare dal proprio conto corrente qualsiasi somma senza violare alcuna norma. Tuttavia, è possibile che l’Agenzia delle Entrate possa avviare un accertamento nei confronti di quei correntisti che prelevano somme “sospette” di denaro.

È importante ricordare, quindi, che i controlli possono scattare solo sui versamenti di contanti sul conto corrente (bancario o postale).Secondo l’articolo 32 del Testo Unico sulle Imposte, infatti, tutti i movimenti in entrata sul conto si presumono redditi. Per affermare il contrario, servirà una prova scritta.

La banca potrebbe quindi chiedere chiarimenti al proprio cliente nel caso in cui la somma prelevata risulti essere parecchio elevata. Di conseguenza, l’utente dovrà autocertificare, con apposito modulo, quali spese intende sostenere con quei contanti.

prelievo_missionerisparmio.it_03.01.2022

Nel caso in cui l’intenzione fosse quella di utilizzare quei contanti per effettuare un pagamento superiore a 1.000€, sono previste sanzioni. Gli importi delle multe possono andare da un minimo di 1000€ ad un massimo di 50.000€

LEGGI ANCHE –> CONTO CORRENTE IN ROSSO, NUOVE REGOLE IN ARRIVO

Infine, ricordiamo che i controlli per i prelievi sui conti correnti sono previsti per imprenditori e società. La soglia è quella dei 1.000€ giornalieri e 5.000€ mensili. Superato questo tetto, l’Agenzia delle Entrate chiederà la dimostrazione della destinazione della somma. Nel caso non si dimostrasse il loro utilizzo, per il cliente si avvierà la procedura di recupero a tassazione del denaro, presumibilmente destinato al nero.