Volantino delle BR in vendita, le offerte potrebbero ancora aumentare

Un volantino delle Brigate Rosse messo all’asta riceve una grande attenzione e il prezzo schizza alle stelle. Offerte che arrivano a 11.000 euro e soprendono persino la stessa casa d’aste.

La storia e il controverso ha un fascino magnetico, soprattutto per quanto riguarda eventi importanti e di cui tutti sono a conoscenza. In questo caso parliamo del rapimento di Aldo Moro ad opera delle Brigate Rosse nel 16 marzo del 1978. Di recente la casa d’aste Bertolami Fine Arts ha deciso di mettere all’asta una copia ciclostilata di un volantino delle Brigate Rosse utilizzato negli anni ’70 per far propaganda politica, in particolare uno che fa riferimento al rapimento dell’allora presidente della Democrazia Cristiana. L’amministratore della casa d’aste, Giuseppe Bertolami, ha specificato che non si tratta di un volantino della prima edizione, di quelli fatti trovare dall’autorità giudiziaria, ma di una copia ciclostilata da distribuire nelle fabbriche, nelle scuole e per strada. Questo, tuttavia, non ha diminuito il fascino controverso intorno all’articolo.

Leggi anche: Superbonus, controlla proroghe e scadenze per non perdere tutto

La messa all’asta di un volantino propagandistico delle Brigate Rosse ha immediatamente attirato l’attenzione della stampa e di alcuni curiosi, sollevando una polemica che è rimbalzata sui social come in una cassa di risonanza. Questa pubblicità inattesa su un articolo tra i tanti messi all’asta ha sopreso non poco la stessa casa d’aste. L’articolo è stato oggetto di interesse anche da parte dello Stato, che ha mandato alcuni periti per assicurarsi che il volantino non fosse stato sottratto agli archivi. Questo evento ha attirato ancora di più l’attenzione sull’asta, che e diventata rapidamente molto più grande del previsto.

Leggi anche: Fate attenzione alle lettere dell’Agenzia delle Entrate: cosa accade se non rispondi

Nonostante non sia un pezzo partolarmente raro o unico (molti volantini simili sono conservati negli Archivi dello Stato), l’interesse intorno al volantino hanno attirato molti compratori. Il pezzo, valutato inizialmente tra i 1.200 e i 1.300 euro per il suo indubbio valore storico, è stato messo all’asta con un prezzo di base di 600 euro, ma alla casa d’aste Bertolami Fine Arts sono arrivate offerte che superano gli 11.000 euro. L’asta è attualmente ancora aperta e il prezzo del volantino potrebbe salire ulteriormente, a dimostrazione di quanto al giorno d’oggi a dar valore a un oggetto sia l’interesse che genera. Di qualunque tipo di interesse si tratti.