Vaccino obbligatorio, alle multe provvederà l’Agenzia delle Entrate

Per tenere sotto controllo la diffusione del virus il Governo ha introdotto multe per i lavoratori non vaccinati e i datori di lavoro che non effettuano i controlli. Delle multe si occuperà il Fisco.

La diffusione del Covid-19 in Italia continua ad aumentare, soprattutto grazie alla nuova variante Omicron. Per far fronte a questa situazione, il Governo ha deciso di seguire la strada della vaccinazione obbligatoria per tutti gli over 50. Ad accompagnare l’obbligo sono state pensate sanzioni per chi non lo rispetterà. Le sanzioni, inoltre, non si applicano solo ai diretti interessati: gli over 50 che non hanno compiuto il percorso vaccinale, ma anche a quei datori di lavoro che non hanno rispettato i controlli obbligatori sui loro dipendenti.

Leggi anche: Banche, perchè faresti bene a chiudere subito il tuo conto corrente

Le sanzioni cominceranno a febbraio e saranno sotto la tutela dell’Agenzia delle Entrate, a cui spetterà di incrociare i dati della popolazione residente con quelle risultanti dalle anagrafi vaccinali regionali o provinciali. Chi rientra nella sfera di obbligo vaccinale (quindi over 50) e non hanno ancora completato il proprio ciclo vaccinale dovrà pagare 100 euro di multa una tantum. La sanzione si alza a un importo tra i 600 e i 1.500 euro se la persona viene trovata sul posto di lavoro senza il super green pass. La multa viene raddoppiata in caso di reiterata violazione. La multa spetterà anche al datore di lavoro, che sarà responsabile dei controlli sulle vaccinazioni di tutti i suoi dipendenti. Le multe per i datori di lavoro oscilleranno tra i 400 e i 1.000 euro.

Leggi anche: Chiedere sempre la foto dell’autovelox, ecco l’escamotage per annullare le multe

Vengono rafforzati anche controlli e sanzioni per chi viene trovato non vaccinato in posti in cui c’è obbligo di super green pass. Chi verrà beccato sprovvisto della certificazioni in luoghi come cinema, teatri, ristoranti, treni, ecc dovrà pagare una multa tra i 400 e i 1.000 euro. Considerando che in Italia sono circa 2,1 milioni gli over 50 ancora non vaccinati, il Governo ha disposto per loro delle corsie preferenziali presso i centri di vaccinazione, farmacie e hub. In questo modo sarà possibile mettersi in pari con il vaccino ed evitare le sanzioni.