Soldi per tuo figlio dall’INPS per 21 anni o tutta la vita, cosa devi sapere

L’assegno unico universale è previsto per tutti i nuclei familiari con figli a carico fino ai 21 anni. Ci sono delle differenze per quanto riguarda i figli con disabilità. In questo caso ci sono delle eccezione.

Con l’arrivo del nuovo anno partono anche le domande per l’assegno unico 2022, il sussidio mensile per le famiglie con figli minori pensato per sostituire e inglobare vari altri bonus che nel 2022 non saranno più utilizzabili. L’assegno unico è un altro metodo per cercare di aiutare le famiglie in difficoltà economica, visto che ci sono dei limiti di ISEE per presentare la domanda. Possono farne richiesta, oltre che lavoratori percettori del reddito di lavoro dipendente o assimilati, anche lavoratori autonomi, soggetti non occupati, disoccupati e percettori del reddito di cittadinanza. L’assegno è garantito per chi ha figli a carico fino a 21 anni, ma esiste un’eccezione nel caso in cui i figli in questione siano disabili. In quel caso è possibile ottenere l’assegno anche se i figli sono oltre i 21 anni.

Leggi anche: Spese sanitarie, tutte le volte che pagano gli altri al posto tuo

Il bonus infatti spetta a tutti i nuclei familiari con figli a carico finché sono minorenni, mentre per i figli maggioreni, sempre entro i 21 anni di età, occorre che siano soddisfatte alcune condizioni:

  • Che il figlio maggiorenne frequenti un corso di formazione scolastica o professionale, ovvero un corso di laurea;
  • Che il figlio maggiorenne svolga un tirocinio, ovvero un’attività lavorativa, e possieta un reddito complessivo inferiore a 8.000 euro annui;
  • Che il figlio maggiorenne sia registrato come disoccupato e in cerca di un lavoro presso i servizi pubblici per l’impiego;
  • Che il figlio maggiorenne svolga il servizio civile universale.

Nel caso in cui il figlio a carico sia disabile non ci sono limiti di età per ottenere l’assegno unico universale per i figli.

Leggi anche: Canone Rai, perchè alcuni pagano meno

 

Le domande potranno essere presentate in molti modi. Il principale è tramite il portale dell’INPS, accedendo al sito dell’ente previdenziale, alla voce “Assegno unico e universale per i figli a carico”. Per poter accedere al servizio è necessaria la SPID almeno di livello 2, CIE o CNS. In alternativa è possibile fare richiesta tramite numero verde INPS 803.164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164.164 (da cellulare). La domanda potrà essere inviata anche rivolgendosi a un patronato. Nella richiesta dell’assegno unico sarà obbligatorio certificare i seguenti dati:

  • Composizione del nucleo familiare e numero dei figli (comprese eventuali disabilità dei figli);
  • Luogo di residenza dei membri del nucleo familiare;
  • IBAN del conto corrente di entrambi i genitori.

Per il calcolo dell’importo in base al reddito familiare è necessario allegare un documento ISEE valido all’anno 2022, se questo non dovessere essere allegato sarà corrisposto l’importo più basso dell’assegno unico.