Più soldi INPS per la tua famiglia, oggi puoi sapere se te li danno davvero

Il pagamento dell’assegno unico per i figli comincia ad essere pagato a partire da questo mese. Per la precisione dalla prossima settimana, e l’INPS mette a disposizioni un modo per vedere se la domanda è andata a buon fine.

L’assegno unico universale per i figli a carico è il sussidio per le famiglie principale del 2022. Andando a sostituire una serie di numerosi e complessi bonus per la famiglia. Le domande per l’ottenimeno dell’assegno unico erano disponibili a partire da gennaio 2022 e sono in molti coloro che hanno tentato la domanda. Le domande stanno venendo esaminate in questo momento dagli uffici dell’INPS e i primi pagamenti arriveranno non prima della prossima settimana. Tuttavia l’ente previdenziale ha messo a disposizione la possibilità di controllare se la domanda ha avuto esito positivo. In questo modo tutti coloro che hanno fatto domanda per l’assegno unico possono assicurarsi che lo riceveranno.

Attraverso il portale online dell’INPS è possibile controllare se la propria domanda ha avuto responso positivo oppure no. Per accedere occorre possedere una SPID, una CNS o una CIE e accedere all’area personale MyINPS. Da oggi, mercoledì 9 marzo 2022, saranno pubblicati in questa sezione gli esiti delle domande pervenute tra gennio e febbraio. La conferma può interessanre ai più preoccupati per la propria situazione economica, ma i requisiti per rientrare entro i limiti dell’assegno unico sono talmente larghi che è molto difficile esserne esclusi.

Il beneficio economico mensile è a disposizione di tutte le famiglie per ogni figlio a carico dal settimo mese di gravidanza fino ai 21 anni e viene, appunto, erogato dall’Inps sulla base della situazione economica del nucleo familiare di appartenenza e del numero di figli a carico. Il valore del contributo dipende dall’Isee del nucleo familiare. Il nucleo con Isee fino a 15 mila euro, riceverà 175 euro al mese con 1 figlio, 350 con due figli, 610 con tre figli e 970 con 4 figli. L’importo diventa 1090 euro al mese se entrambi i genitori lavorano. A questi importi si aggiungono 20 euro al mese a figlio nel caso in cui la madre abbia un’età inferiore a 21 anni. Se l’Isee supera i 40 mila euro, si riceverà 50 euro al mese con un figlio, 100 euro per due figli, 165 euro per tre figli, 330 euro per 4 figli. Si aggiungono 20 euro a figlio se la mamma ha meno di 21 anni. Le famiglie con i figli disabili, riceveranno l’assegno unico senza limiti di età dei figli.