Rottamazione, arriva la proroga. Cosa ha deciso il Governo

Arriva una nuova proroga per quanto riguarda la “Rottamazione-ter”, ecco cos’ha deciso il Governo e quali sono le principali novità

(Simone Concorsi)

Adesso è ufficiale: ci sarà un’ulteriore proroga riguardo la rottamazione ter. Nella giornata di mercoledì, la Camera dei deputati ha deciso di approvare il testo del decreto Sostegni-ter, il D.L. 4/2022. Si tratta di un decreto contenente misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da Covid-19.

Tra le misure previste, il decreto prevede un nuovo differimento del termine (una proroga dunque) per quanto riguarda il versamento delle rate, riferite alla “rottamazione-ter” e “saldo e stralcio” delle cartelle esattoriali. Ecco, quindi, cos’ha deciso il Governo e quali sono le principali novità.

Rottamazione, arriva la proroga. Cosa ha deciso il Governo

Arriva l’ufficialità di una nuova proroga riguardo la rottamazione-ter. Ci sarà quindi ancora un differimento dei termini relativi al versamento delle rate di “rottamazione-ter” e stralcio delle cartelle esattoriali. Dunque, il decreto Sostegni-ter diventa legge e si prevede la pubblicazione del testo in Gazzetta ufficiale entro la giornata di domani.

Si tratterà quindi di una proroga delle rate scadute e delle rate che entreranno in scadenza nel 2022. Per quanto riguarda, invece, lo stralcio delle cartelle, ci sarà una rimessione che riguarderanno solo le rate scadute, in quanto non sono previste ulteriori scadenze nel 2022.

Quindi il versamento delle rate riferite agli anni 2020, 2021 e 2022,ai fini delle definizioni agevolate” sarà considerato tempestivo, e non determinerà l’inefficacia delle definizioni, se viene effettuato:

  • Entro il 30 aprile 2022, per quanto riguarda le rate in scadenza nel 2020;
  • Entro il 31 luglio 2022, per quanto riguarda le rate in scadenza nel 2021.
(Pixabay)

Per quanto riguarda, invece, le rate che andranno in scadenza nel 2022, queste potranno essere pagate entro il 30 novembre 2022. Per il saldo e stralcio, invece, come detto in precedenza, non saranno previste scadenze nell’anno 2022.

Inoltre, la legge che entrerà in vigore a breve avrà l’ulteriore funzione regolatrice riguardo gli effetti della proroga su eventuali procedure esecutive in corso. Si tratta, quindi di pignoramenti, anche verso soggetti terzi.

Dunque una un’ulteriore possibilità che lo Stato prevede per permettere ai milioni di contribuenti di mettersi in regola con i pagamenti e con il Fisco.