5 mila euro dal Governo se decidi di inquinare meno, ma devi ancora attendere

Pronti alcuni bonus e incentivi per auto e mezzi di trasposto, ma per averlo dovrai ancora attendere. Ecco gli aggiornamenti

(ANSA/STEFANO SECONDINO)

Il provvedimento che metterà in campo un nuovo incentivo per coloro che intendono acquistare auto e moto elettriche non è ancora entrato in vigore. Tuttavia, si attende la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del DPCM che dovrebbero rendere attuabili i cosiddetti ecobonus.

Sono infatti pronti circa 5 mila euro stanziati dal governo per coloro che vorrebbero inquinare di meno con i propri mezzi di trasposto. Tuttavia, è necessario ancora attendere un po’ prima di poterne usufruire. Ecco, dunque, quali sono gli aggiornamenti.

Ecobonus, gli aggiornamenti

Sembra tutto pronto per l’attuazione degli ecobonus e lo stanziamento dei fondi da parte del governo per coloro che decidono di investire per inquinare di meno.Dopo la firma del dpcm, si attendono però ulteriori passaggi per renderle la manovra effettiva, tra cui il controllo di legittimità da parte della Corte dei conti, la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e l’adeguamento della piattaforma di prenotazione online da parte di Invitalia.

Andando più nello specifico, le agevolazioni consentiranno alcuni contributi economici riferiti all’acquisto di veicoli meno inquinanti. In Per i veicoli di categoria M1, appartenenti alla fascia di emissioni 0-20g/km e con un prezzo inferiore a 35mila euro, ci sarà un contributo di 3mila euro, oltre a nuovi 2mila euro se l’auto è appartenente ad una classe inferiore ad Euro 5.

(ANSA)

Per quanto riguarda, invece, l’acquisto di auto ibride plug-in con un costo inferiore a 46mila euro+Iva, sarà possibile ottenere un contributo di 2mila euro. Inoltre, si potrà richiedere un ulteriore supporto economico di 2 mila euro se viene anche rottamata un’automobile inferiore ad Euro 5.

Oltre all’acquisto delle automobili, è possibile usufruire degli ecobonus per l’acquisto di ciclomotori e motocicli elettrici e ibridi. È possibile, infatti, ottenere un contributo del 30% della spesa fino ad un massimo di 3mila euro.

Inoltre, viene concesso un contributo del 40% fino a 4000mila euro, nel caso in cui venga rottamata un’auto da Euro 0 a 3. Potranno usufruire di una parte dei fondi anche le società di car sharing per l’acquisto di veicoli elettrici, ibridi, plug-in.