Multa illeggibile, perché hai diritto a non pagarla

La legge prevede di casi limite in cui, se la multa è illeggibile, potresti avere diritto di non pagarla. Ecco di cosa si tratta

Prendere una multa è una possibilità piuttosto frequente, soprattutto nelle grandi città dove i controlli sono maggiori per forza di cose. Spesso prendere una sanzione da parte di un operatore rappresenta una bella mazzata al nostro portafogli, tuttavia è possibile provare a tutelarsi.

(Ansa)

La legge, infatti, prevedere la possibilità di avere il diritto di non pagare la multa quando questa è illeggibile. Dunque, gli operatori delle forze dell’ordine dovranno fare molta attenzione a come scrivono le multe e gli automobilisti potranno avvalersi di un diritto in più. Ecco i dettagli.

Multa illeggibile, ecco perché puoi non pagarla

Ci possono essere dei casi in cui gli operatori delle forze dell’ordine facciano una multa ad un automobilista, ma scrivendo il verbale in maniera abbastanza “criptata”. È possibile, infatti, che i vigili possano scrivere in modo errato o illeggibile il Codice della strada, o in maniera non chiara la norma violata.

In questi casi, infatti, l’automobilista non è in condizioni di comprendere di ciò che è accusato. Se la multa è illeggibile, infatti, potrebbe essere non valida e potresti non doverla pagare. Questo avviene, perché, al giorno d’oggi molte multe vengono ancora scritte a mano, aumentando la possibilità di incorrere in sanzioni illeggibili.

Si tratta dei casi di contestazione immediata, nei quali l’infrazione viene contestata ala trasgressore non appena la pattuglia effettua un controllo registrando una irregolarità alla guida.

(Ansa)

Una multa illeggibile, dunque, presenta un vizio che potrebbe inficiare la validità dell’atto. Secondo l’art 201 del Codice della strada, infatti, il verbale della sanzione deve contenere “gli estremi precisi e dettagliati della violazione”.

Dunque, se la multa è illeggibile, la legge predispone la possibilità di ottenere l’annullamento del verbale, in quanto è affetto da “invalidità insanabile”. All’interno di una multa, infatti, devono essere ben chiare informazioni quali il giorno, l’ora e la località in cui è avvenuta l’infrazione; le generalità e la residenza del trasgressore; il tipo di veicolo e la targa; l’ammontare della somma da pagare; ecc.

Quindi, in caso di multa illeggibile, la legge prevede il diritto da parte dell’automobilista di impugnare il verbale con calligrafia illeggibile. Sarà possibile impugnare la sanzione e fare ricorso presso il giudice di pace competente, in riferimento a dove sia avvenuta l’infrazione.