Chiedere soldi e riceverli troppo tardi, quanto tempo devi attendere in media

Ecco tutte le informazioni per richiedere un prestito nel 2022, i dettagli sui tempi d’attesa medi.

In un momento di grande difficoltà e crisi economica che l’Italia, ma in generale tutta l’Europa, sta vivendo, i cittadini si affidano sempre di più ai prestiti visto che molti sono alla ricerca di liquidità.

Ovviamente per richiederlo la Banca chiede e vuole delle garanzie certe: quindi, per assicurarsi la cifra richiesta, è opportuno presentare anche tutta la documentazione. E, in alcuni casi, è previsto anche la presenza di un garante. Per questa ragione non è molto semplice richiedere un prestito.

Dal momento della richiesta del prestito, fino alla conclusione, generalmente il tempo d’attesa è di circa sette giorni. Dunque, quindi, in una settimana è possibile concretizzare il tutto, se tutta la documentazione è apposto. Per quanto riguarda l’erogazione dei soldi, l’attesa può arrivare anche fino a 10 giorni ma di solito, anche in questo caso, il denaro può arrivare sul conto corrente di chi ha fatto richiesta di prestito nel giro di 6-7 giorni lavorativi.

Ovviamente, a seconda della banca a cui ci affidiamo, cambiano anche le attese. Quindi, c’è anche la possibilità di ricevere più velocemente il prestito. Tutto dipende anche dalle garanzie che un cittadino fornisce e dall’affidabilità. Se è ottima c’è anche la possibilità di ricevere tutto in meno di una settimana.

Tra le soluzioni più vantaggiose ed anche risolutive, in termini di tempistiche, è sicuramente la richiesta di prestito online. Con alcune banche, infatti, se procedi alla richiesta online, presentando tutta la documentazione con le dovute garanzie, il denaro lo puoi ricevere anche nel giro di 48 o 72 ore. Quello online è uno dei modi più rapidi per richiedere un prestito.

La banca Intesa Sanpaolo, per esempio, nella modalità online propone l’offerta ‘Prestito in Tasca’. Per averlo basta compilare tutti i passaggi richiesti e in appena  48 ore, se la richiesta viene accettata, c’è la possibilità di avere i soldi sul proprio conto corrente.