Modello 730, gli assegni e le indennità che non devi dichiarare

Quali redditi non vanno dichiarati nel modello 730: tutte le novità ed i casi di esonero.

Tutti i redditi vanno dichiarati nel modello 730? Il modello 730 è lo strumento che serve al contribuente per dichiarare tutti i redditi percepiti nel corso dell’anno all’Agenzia delle Entrate. Tuttavia, vi sono particolari tipologie di reddito che per vari motivi non devono essere indicati nella propria dichiarazione dei redditi. Andiamo a vedere quali sono i redditi che possono essere omessi nella presentazione del modello 730.

Quali redditi non vanno nel modello 730?

I redditi che non vanno inseriti nel modello 730 sono quelli esenti da Irpef. In particolare, i redditi che non vanno nella dichiarazione redditi sono quelli provenienti da:

  • Lavoro autonomo occasionale. Tali compensi percepiti, devono essere soggetti a tassazione Irpef, nella categoria dei redditi diversi. Nello specifico devono essere dichiarati nel quadro RL del modello Redditi Persone Fisiche oppure nel quadro D del modello 730. In entrambi i casi deve essere recuperata la ritenuta d’acconto del 20% applicata dal sostituto d’imposta. Ritenuta da versare con modello F24 con codice tributo 1040. Per questa particolare tipologia di reddito, il contribuente non è soggetto a tassazione quando i compensi per lavoro autonomo occasionale sono inferiori alla soglia di 4.800 euro.
  • Retribuzioni non percepite. Non devono essere dichiarate nel modello Redditi o nel modello 730 le retribuzioni non percepite, neanche se presenti nel modello di Certificazione unica
  • Trattamento di fine rapporto (TFR). Le cosiddette liquidazioni dovute all’interruzione di un rapporto lavorativo non vanno inserite in quanto sono soggette alla tassazione alla fonte da parte del datore di lavoro che ogni mese accantona la quota.
  • Percepimento di borse di studio. Altra tipologia di redditi esclusi da imposizione Irpef è quella legata a particolari borse di studio percepite dal contribuente. Le somme incassate a titolo di borsa di studio o di assegno, premio o sussidio per fini di studio o di addestramento professionale, in generale, devono essere tassate come redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente.
  • Rimborsi spese erogati dalla associazioni sportive dilettantistiche.
  • Redditi esenti IRPEF. I redditi che fanno parte di questa categoria sono quelli percepiti a titolo di pensione, assegno sociale, indennità di invalidità.