Tasse così l’IRPEF diventa un altro problema

Cosa cambia per le addizionali comunali dopo la modifica scaglioni ed aliquote IRPEF: molti Comuni potrebbero essere svantaggiati e chiedere più tasse ai cittadini.

Occhio alle addizionali comunali IRPEF. La nuova legge di bilancio approvata dal governo Draghi, ha ridotto da cinque a quattro gli scaglioni e aliquote Irpef:

  • fino a 15.000 l’aliquota è del 23%
  • da 15.000,01 a 28.000 l’aliquota prevista è del 25%
  • da 28.000,01 a 50.000 l’aliquota aumenta rispetto alle due precedenti arrivando al 35%
  • oltre 50.000,01 si ha valore più alto aliquota che va al 43%

La riduzione aliquote e scaglioni IRPEF impone un adeguamento anche dei criteri per la determinazione aliquote comunali. Andiamo a vedere cosa è un’addizionale comunale e quali sono i Comuni che devono adeguarsi alla decisione di Draghi.

Cosa è l’addizionale comunale Irpef?

E’ un’imposta dovuta dai soggetti tenuti al versamento dell’IRPEF.  L’addizionale comunale si applica al reddito complessivo ai fini del pagamento IRPEF. Dovrà pagare addizionale comunale il contribuente che ha domicilio fiscale alla data del 1° gennaio dell’anno cui si riferisce il pagamento dell’imposta stessa.

Addizionale comunale 2022: cosa cambia per i Comuni?

La riduzione di scaglioni ed aliquote IRPEF comporterà un adeguamento per le addizionali comunali. I Comuni che hanno adottato aliquote multiple, in base alle modifiche della legge di bilancio 2022, devono adeguarsi ai nuovi scaglioni reddituali.

Non hanno l’obbligo adeguamento i Comuni che hanno invece adottato un’aliquota unica. Questo perché la modifica del Governo Draghi non ha ricadute sull’imposizione fiscale. Tuttavia sarà comunque necessario l’adeguamento formale del regolamento per recepire i nuovi scaglioni.

La novità del Governo Draghi rischia di aumentare le addizionali danneggiando anche le fasce di reddito basse. Sono 1.127 i Comuni che non prevedono il pagamento dell’imposta mentre in 2.617 ci sono particolari esenzioni per fasce reddito medio basse. La nuova modifica scaglioni e aliquote IRPEF può costare di più in questi Comuni.

Quando si pagano le addizionali comunali?

L’acconto sulle addizionali comunali va effettuato solo a giugno per cui il 30 novembre non ci sarà il versamento del secondo acconto. Per le regionali invece proprio non è dovuto il versamento di alcun acconto.

Il versamento è effettuato direttamente ai comuni tramite Modello F24 da pagare in Posta, presso lo Sportello bancario oppure online.