Bonus 200 euro, ecco le istruzioni INPS per l’autodichiarazione

Sta per arrivare il bonus di 200 euro, ma non avverrà in automatico: disponibili le istruzioni dell’INPS per l’autodichiarazione

È previsto per il mese di luglio l’arrivo del nuovo bonus di 200 euro. Il governo italiano ha infatti deciso dì erogare un aiuto economico pensato per le famiglie maggiormente in difficoltà a causa del caro vita scatenato dall’aumento dei prezzi di materie prime, energia e carburanti.

(Flickr)

Seppur inizialmente è stata diffusa l’informazione secondo cui il bonus sarebbe stato erogato in maniera automatica, in realtà non è del tutto vero. Alcuni lavoratori, infatti, dovranno effettuare una pratica necessaria alla ricezione del bonus: ecco le istruzioni INPS per l’autodichiarazione.

Ecco le istruzioni INPS per l’autodichiarazione del bonus 200 euro

Per ricevere il bonus di 200 euro, i lavoratori devono firmare un’autodichiarazione che attesti il fatto che non sta ricevendo altri bonus. Solo grazie a questo documento sarà infatti possibile ricevere l’accredito del bonus. A questo proposito, ecco le istruzioni INPS per l’autodichiarazione.

Ad oggi, non c’è ancora un modello ufficiale per procedere con l’autodichiarazione da consegnare al proprio datore di lavoro; tuttavia, dovrebbe essere sufficiente compilare un’autodichiarazione ai sensi del DPR 445/200.

Con il messaggio 2397, l’INPS ha diffuso alcune informazioni utili alla ricezione del bonus. Inoltre, ha diffuso ulteriori chiarimenti riguardo la possibilità che il lavoratore abbia più contratti di lavoro. In questo caso, infatti, è assolutamente indispensabile compilare e consegnare l’autodichiarazione.

(Ansa)

Secondo le istruzioni INPS, il lavoratore che possiede più rapporti di lavoro avrà la possibilità di richiedere il pagamento dell’indennità di 200 euro ad un solo datore di lavoro. Inoltre, il lavoratore dovrà dichiarare al proprio datore di lavoro di non aver fatto alcuna richiesta da altri suoi datori di lavoro per la ricezione dell’importo una tantum.

Nel caso in cui, invece, dovesse risultare che per un solo lavoratore più datori di lavoro hanno erogato il bonus di 200 euro, questi dovranno restituire tutti gli importi recuperando poi il denaro al lavoratore. Proprio per questo, è fondamentale che il lavoratore compili l’autodichiarazione.

Per procedere al recupero del bonus, il lavoratore dovrà seguire le indicazioni date dall’INPS con un ulteriore messaggio che verrà diffuso, molto probabilmente, nei prossimi giorni. Tuttavia, non è detto che in futuro non possano emergere complicazioni riguardo il recupero del bonus dai lavoratori con contratto ormai scaduto.