Modello 730, ora puoi respirare: come rateizzare le spese

Esiste la possibilità di pagare rateizzando le spese a seguito della compilazione del 730. Ecco come fare

La compilazione del modello 730 riguarda il momento in cui è necessario fare la dichiarazione dei redditi. Si tratta del pagamento delle imposte che il contribuente deve versare al Fisco. Nel caso di modello 730 precompilato oppure ordinario è possibile effettuare il pagamento a rate.

(ANSA)

Secondo quanto dichiarato dall’Agenzia delle Entrate, i contribuenti potranno infatti pagare i tributi mediante l’erogazione di tre rate mensili. Non può essere invece rateizzato l’acconto di novembre, il quale potrà essere erogato solo tramite un’unica soluzione. Ecco i dettagli riguardo la possibilità di effettuare il pagamento rateizzato delle imposte e a quanto ammontano gli interessi.

Modello 730, pagamento rateizzato delle imposte

I contribuenti avranno la possibilità di rateizzare le imposte che devono allo Stato. Sarà infatti possibile pagare a rate il primo acconto IRPEF, inserendo tutte le informazioni necessarie nell’apposito spazio del modello di versamento F24: “Rateazione/Regione/Provincia”.

Tuttavia, è importante ricordare che la rateizzazione del pagamento delle imposte prevede degli interessi pari al 4% annuo, calcolato mediante il metodo commerciale. Chi è titolare di partita Iva potrà effettuare il pagamento della prima rata entro il 30 giugno o il 30 luglio con una maggiorazione pari allo 0,40%. Gli interessi per le ulteriori rate sono le seguenti:

2° rata: 0,18% di interessi (scadenza 16 luglio e pagamento entro il 20 agosto);

3° rata: 0,51% di interessi (scadenza il 20 agosto e pagamento entro il 16 settembre);

4° rata: 0,84 di interessi (scadenza il 16 settembre e pagamento entro il 16 ottobre);

5° rata: 1,17% di interessi (scadenza il 16 ottobre e pagamento entro il 16 novembre);

6° rata: 1,60% di interessi (scadenza il 16 novembre).

(ANSA)

Chi, invece, non possiede partita Iva potrà accedere al pagamento rateizzato pagando lo 0,40% degli interessi per la prima rata. Gli interessi e le scadenze delle ulteriori rate (fino alla sesta) coincidono con quelle per i possessori di partita Iva, così come le loro relative scadenze previste.

I possessori di partita Iva dovranno effettuare i versamenti tramite F24 esclusivamente in modalità telematica. Dunque, potranno affidarsi a servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, come F24 web ed F24 online, oppure i servizi di internet banking relativi a Poste italiane, banche e altri intermediari.