Pos obbligatori, perché rischi di perdere i tuoi soldi

Con l’utilizzo del Pos obbligatorio ci sono alcune cose a cui serve fare maggiore attenzione: a cosa stare attenti per non regalare soldi

Con i nuovi provvedimenti presi dal Governo per combattere l’evasione fiscale, il Pos è diventato uno strumento obbligatorio per tutti i punti vendita e non solo, ma anche per chiunque fornisca un servizio. Parliamo di un dispositivo per i pagamenti elettronici che fino a poco fa trovavamo solo in pochi negozi. In effetti ormai il termine per mettersi in regola è scaduto il 30 giugno per tutti gli esercizi commerciali.

Se si vuole evitare la multa, da questo mese di giugno ogni forma di impresa che fornisce un servizio dovrà esserne munita. I tipi di multe sono nello specifico due, una è fissa ed è del valore di 30 euro per chiunque non lo possiede, o se anche dichiara un falso malfunzionamento dello stesso. La seconda multa invece è variabile ed è in rapporto all’importo che ci si rifiuta di accettare con il Pos. Parliamo di una cifra pari al 4% di questo importo.

Pos, a cosa bisogna stare attenti con i pagamenti elettronici

Nel caso in cui l’esercente dimostri l’effettivo malfunzionamento dello strumento, la multa non sarà attivabile. Detto ciò, bisogna ad ogni modo far molta attenzione a quello che avviene con il dispositivo durante la transazione, soprattutto per quanto riguarda il sistema Cashless, il quale non prevede l’inserimento del PIN entro una determinata cifra. In alcuni casi è sotto i 25 euro ma a volte anche sotto i 50.

Quello che può accadere è che, in caso di errori o malfunzionamenti durante il pagamento, appaia il messaggio “transazione non effettuata“. Quanto avviene ciò, prima di eseguire un nuovo pagamento, è sempre necessario richiedere lo scontrino che testimonia la mancata transazione.

Un’altra cosa su cui stare attenti è dove si va a conservare la propria tessera, perché i Pos possono essere molto piccoli e senza fili. Lo strato di metallo inserito nella struttura blocca le frequenze che vengono usate per collegare la tessera al Pos. Di conseguenza si evitano transazioni non volute.