Pensioni sotto i 2500 euro: gli importi cambiano a luglio ed agosto. E non è finita

Previsto un importante cambiamento degli import per le pensioni sotto i 2500 euro a luglio e agosto. Ecco cosa potrebbe succedere

Attese importantissime novità riguardo il tema pensioni. Per quanto riguarda quelle fino a 2500 euro, infatti, potrebbe esserci una modifica degli importi dell’assegno a partire dal mese di agosto, fino alla fine del 2022, per poi ripartire nel 2023. Ecco cosa sta succedendo nel dettaglio.

(Ansa/Franco Silvi)

L’importo dell’assegno INPS per le pensioni che arrivano fino a 2500 euro cambierà già a partire dal mese di agosto 2022, fino a dicembre 2022. Nella seconda metà dell’anno, infatti, sono previsti gli aumenti sugli assegni grazie all’ottenimento del bonus di 200 euro.

Pensioni di 2500 euro: cambiano gli importi

Interessanti modifiche previste per le pensioni che arrivano alla soglia dei 2500 euro. Gli importi INPS cambieranno già a partire dal mese di agosto 2022, fino al mese di dicembre 2023. Successivamente, è prevista una modifica degli importi anche durante il 2023.

Un ruolo fondamentale sarà ricoperto dal taglio del cuneo fiscale. Nella seconda metà di quest’anno, sono sempre più probabili gli aumenti riguardo gli assegni INPS, grazie a riconoscimento del bonus di 200 euro per i pensionati a partire dal mese di luglio (oltre ai lavoratori dipendenti e ad altre categorie).

Coloro che saranno maggiormente aiutati dal taglio del cuneo fiscale saranno i lavoratori dipendenti, i quali riceveranno una busta paga più alta. Tuttavia, sono previsti vantaggi anche per i pensionati, i quali potranno assistere a considerevoli aumenti sul loro cedolino pensione, grazie al lavoro dei Sindacati che sono in continuo confronto con il governo.

(Ansa/Franco Silvi)

L’esecutivo guidato da Mario Draghi, infatti, è intenzionato ad emanare un ulteriore decreto con ulteriori aiuti contro i rincari di energie e carburanti. L’inflazione, infatti, ha provocato una repentina diminuzione del potere d’acquisto dei cittadini, tra cui i pensionati, e si attendono delle decisioni concrete a riguardo, in modo da dare uno scossone all’economia interna del nostro Paese.

Proprio a causa dell’aumento repentino dell’inflazione è previsto un sistematico aumento delle pensioni fino a 2500 euro nel 2023, in modo di permettere ai pensionati di ricevere importi adeguati al carovita. Dunque ci si aspetta un importante aumento degli importi per le pensioni medio/basse.